Finanza & Mercati

Borsa di Tokyo in lieve ribasso, riaffiora il «rischio politico»

mercati asiatici

Borsa di Tokyo in lieve ribasso, riaffiora il «rischio politico»

(Ap)
(Ap)

TOKYO - L'indice Nikkei della Borsa di Tokyo ha chiuso in calo dello 0,35% a 19.521,59 punti. Ancora una giornata con movimenti poco spiccati per l’indice guida della Borsa giapponese, fin dall'avvio delle contrattazioni la tendenza del mercato è stata di leggera debolezza, tra la cautela degli investitori alla vigilia della riunione del G20 in Germania.

A spiccare è piuttosto la notizia secondo cui il governo giapponese si appresterebbe a investire denaro pubblico per evitare che la divisione chip di Toshiba finisca in mani non giapponesi (o quantomeno non solo in mani straniere). La Development Bank of Japan potrebbe istituire un fondo apposito per investire nella divisione che il gruppo ha messo in vendita, probabilmente coinvolgendo il fondo parapubblico Innovation Network Corp. of Japan. Il titolo Toshiba ha registrato un forte rimbalzo, dopo il recente cedimento legato alla possibilità che il gruppo debba attivare le procedure fallimentari del Chapter 11 per la controllata americana nel nucleare Westinghouse, che potrebbe provocargli perdite per oltre mille miliardi di yen. La divisa nipponica è rimasta stabile nella fascia media tra un cambio tra 113 e 114 sul dollaro.

Intanto comincia a riaffiorare il cosiddetto “rischio politico” in Giappone, finora oasi di stabilità con il premier Shinzo Abe in sella da fine 2012. Uno scandalo politico, incentrato su una controversa scuola privata che ha ottenuto terreni dallo Stato a prezzi scontatissimi, potrebbe costringere la ministra della Difesa Tomomi Inada a dimettersi e forse far cadere lo stesso Abe. Per alcuni investitori, una eventuale crisi di governo potrebbe essere leggermente negativa per l'equity nipponico e comunque il possibile evolvere della situazione può frenare eventuali spinte rialziste sul mercato. Abe parte domenica per un tour europeo che toccherà Francia, Germania e Italia (quest'ultima in quanto Paese che sta per ospitare il G7, dopo il Giappone nel 2016). Lunedì i mercati finanziari giapponesi resteranno chiusi per una festività nazionale.

© Riproduzione riservata