Finanza & Mercati

Italgas riaggancia il prezzo dell'Ipo grazie ai conti 2016, superati 4…

ENERGIA

Italgas riaggancia il prezzo dell'Ipo grazie ai conti 2016, superati 4 euro

Andamento titoli
Vedi altro

Balza dopo i conti 2016 Italgas, che è la migliore dell'Ftse Mib: così facendo, il titolo sta toccando i massimi storici e soprattutto si è riportato sopra il prezzo dell'Ipo dello scorso novembre, avvenuta poco sotto quota 4 euro (a metà novembre era anche scesa a 3,1 euro). La quotazione, va ricordato, aveva sancito ufficialmente l'uscita di Italgas dal perimetro di controllo di Snam: un passaggio avvenuto l'anno scorso e che quindi rende particolarmente elaborato leggere i conti 2016 in modo uniforme. Proprio in mattinata, peraltro, è emerso che Norges Bank (lo scorso 20 marzo ) si è portata al 3% del primo gruppo italiano per la distribuzione gas.

Nel 2016 utile a 221 milioni, cedola a 0,2 euro per azione

In ogni caso ieri il cda di Italgas ha approvato il bilancio 2016 che ved ricavi totali a 1,079 miliardi, un margine operativo lordo adjusted di 685 milioni, un utile operativo adjusted a 359 milioni e un utile netto adjusted di 221 milioni. Si tratta, va precisato, di un consolidato pro forma che, redatto ai soli fini di dare
un'adeguata rappresentazione della situazione economico finanziaria ad anno intero di Italgas spa, espone i numeri della stessa Italgas dalla data della sua costituzione (1 giugno 2016) e dal primo gennaio 2016 delle societa' Italgas
Reti S.p.A., Napoletanagas S.p.A. e Acam Gas S.p.A. consolidate integralmente, nonche' di Toscana Energia, Metano S. Angelo Lodigiano e Umbria Distribuzione valutate con il metodo del patrimonio netto. Tra gli highlight operativi (comprensivi delle societa' partecipate) spiccano 1582 concessioni gas, 7,4 milioni di contatori attivi e una rete di distribuzione di circa 65mila chilometri. Il cda ha anche deliberato di proporre la distribuzione di un dividendo di 0,2 euro per azione.

Per gli analisti conti ok, titolo con margini di crescita in Borsa

«Sono numeri in linea con le attese - sottolineano gli analisti di Icbpi.
- E' stata confermata la cedola di 0,20 euro per azione, già annunciata nell'ambito della scissione. In riferimento al 2017, Italgas intende implementare il programma di riduzione dei costi per accrescere la propria efficienza operativa e il progetto di miglioramento della qualità dei processi e dei servizi che sarà avviato nei primi mesi dell'anno». In più il presidente Lorenzo Bini Smaghi ha confermato «l'impegno per una politica di remunerazione degli azionisti attrattiva e sostenibile». Anche secondo altri broker il bilancio 2016 e' in linea con le attese e giustifica l'attuale quotazione di mercato. Mediobanca, che valuta il titolo con outperform e target price a 4,35 euro, fa notare come attualmente l'azione sconti un premio del 15% sul rapporto enterprise value/Rab, all'incirca come Snam e Terna. Premio che, secondo gli esperti di Piazzetta Cuccia e' giustificato da tre elementi: i più alti ritorni sulla Rab per la distribuzione gas, un
costo del debito più basso (con la prospettiva di un rifinanziamento ancora più conveniente) e la capacita' di crescere partecipando alle prossime gare gas.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata