Finanza & Mercati

Asta BoT, tassi in calo e forte domanda

titoli di stato

Asta BoT, tassi in calo e forte domanda

Tassi in calo all'asta dei BoT annuali, un esito positivo per il Tesoro, meno per gli investori. L'asta effettuata con il modello competitivo dei BoT in scadenza il prossimo 13 aprile 2018, informa la Banca d'Italia, è stata assegnata a un tasso negativo dello 0,239% che si confronta con il -0,226% registrato nell'asta di marzo. A fronte di un'offerta del Tesoro per 6 miliardi, la domanda del mercato è stata buona, pari a oltre 10,58 miliardi, con un rapporto di copertura (rapporto tra la domanda e l'offerta) che sale a 1,76 da 1,58 registrato il mese scorso. L'asta è stata assegnata a un prezzo medio ponderato di 100,243 e il regolamento avverrà giovedì 13. Il minimo storico per i BoT annuali in asta è stato toccato a gennaio con un tasso negativo dello 0,25 per cento.

Balzano i rendimenti del decennale francese su rischio Le Pen

Sul mercato secondario dei titoli di Stato, intanto, la mattinata registra un rialzo dei rendimenti sui titoli decennali italiani, al 2,27%, con uno spread con i Bund di pari durata che si allarga a 205 punti base. I titoli tedeschi si apprezzano per effetto della ‘fuga verso la qualità’ di cui beneficiano sul mercato per le tensioni geopolitiche internazionali e per le incertezze riguardanti l’esito delle presidenziali francesi, con il primo turno che si avvicina. L’incertezza su chi guiderà la Francia a maggio ha provocato stamani un balzo dei rendimenti dei titoli di Stato francesi (Oat) sopra la soglia dell’1 per cento in avvio di contrattazioni sul mercato Mts. Nel prosieguo della mattinata le ricoperture sui decennali francesi hanno frenato l’ascesa dei rendimenti di nuovo sotto la soglia dell’1 per cento (0,97%).

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata