Finanza & Mercati

Da Intesa Sanpaolo nuovo bond subordinato

Obbligazioni

Da Intesa Sanpaolo nuovo bond subordinato

  • –Mara Monti

MILANO

Un bond perpetuo del tipo additional Tier 1 da 750 milioni di euro è stato collocato ieri da Intesa Sanpaolo raccogliendo una domanda per 4 miliardi. La forte richiesta degli investitori è avvenuta in una giornata particolare nervosa per il mercato italiano tornato sotto i riflettori dopo il venir meno dei rischi politici in Francia con l’elezione di Macron.

I bond italiani sono stati i big mover tra i bond europei dal momento che l’attenzione sta tornando sul comparto azionario. L’Italia secondo gli analisti potrebbe essere la prossima ossessione dei trader nella prospettiva che la fine del Qe da parte della Banca centrale europea il prossimo anno possa coincidere con le elezioni italiane: gli analisti di Citigroup citati da Bloomberg non escludono che lo spread del decennale italiano contro il titolo tedesco possa arrivare a toccare 300 punti base un livello visto nel 2013 e lontano dall’attuale 180 punti base. Un movimento che in questo caso andrebbe a ricadere in parte anche sui bond bancari.

Per Intesa Sanpaolo il cui bond additional Tier 1 arriva dopo quello della spagnola Sabadell, è il secondo titolo di questa categoria che la banca colloca quest’anno, il primo collocamento era avvenuto lo scorso gennaio per 1,25 miliardi di euro ed è richiamabile dopo 7 anni: il titolo con rating Ba3/B+/B+, ha una cedola del 6,25% al di sotto della indicazione di avvio di collocamento che erano al 6,75 per cento. Il rendimento a scadenza è pari al 6,348% con uno spread pari a 585,6 punti base. Il titolo collocato a gennaio con una cedola del 7,75% e scadenza 2027 è sceso al 6,689% sul secondario mentre quello scadenza 2021 è scambiato a 5,986 per cento.

Il comparto dei bond financial è ritenuto ancora interessante se paragonato ai corporate: ad esempio, lo spread gli high yield financial contro i corporate si aggira tra 70-100 punti base per titoli di identico rating.

Intesa ha l’obiettivo di collocare obbligazioni At1 per 4 miliardi entro quest’anno. Nella presentazione dei conti trimestrali lo scorso venerdì la banca ha fatto sapere che nei primi quattro mesi ha collocato bond per circa 6 miliardi di euro a fronte di scadenze per il 2017 per 22 miliardi.

Sul fronte corporate, ieri il gruppo spagnolo Repsol ha avviato l'operazione di collocamento del green bond in euro con scadenza maggio 2022, raccogliendo 2,7 miliardi di euro. Il bond che è in corso di collocamento verrà prezzato a 35 punti base sopra il tasso midswap. L'emissione rientra nel programma di Repsol finalizzato alla riduzione di emissioni inquinanti attraverso l'implementazione di progetti di efficientamento energetico e di investimento in tecnologie a bassa emissione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA