Finanza & Mercati

Milano tiene sul finale con recupero Wall Street, deboli le Borse europee

la giornata dei mercati

Milano tiene sul finale con recupero Wall Street, deboli le Borse europee

Andamento titoli
Vedi altro

Chiusura debole per le Borse europee (segui qui i principali indici), che tuttavia hanno arginato i danni di metà giornata, incoraggiate dall’andamento di Wall Street (segui qui i principali indici Usa). Milano, che era arrivata a perdere oltre il 2%, ha chiuso in frazionale rialzo dello 0,07%, vantando la performance migliore del Vecchio Continente. In prima battuta a scatenare le vendite era stata la preoccupazione per la delicata situazione del presidente americano Donald Trump, sospettato di collusione con la Russia. Dopo che nella notte il Dipartimento americano di Giustizia ha affidato a Robert Mueller, stimato e integerrimo ex direttore dell’Fbi, l’incarico di dipanare il così detto Russiagate, è subito serpeggiato il timore che si profili per Trump la possibilità di un impecheament. Scenario che ha innescato vendite a raffica sui principali listini. In Europa, poi, il vento è cambiato nel pomeriggio, dopo che Wall Street ha mostrato nervi saldi, anche sulla scia di dati macro migliori delle attese. Gli investitori non hanno invece badato più di tanto al crollo della Borsa brasiliana, travolta dallo scandalo sulle mazzette che avrebbe pagato il presidente Michel Temer, secondo quanto svelato dal quotidiano Oglobo. L’indice Ibovespa ha trascinato in basso anche la Borsa argentina, per effetto domino.

Banco Bpm e Ubi rialzano la testa, ancora giù Bper
Nella seconda parte della seduta Piazza Affari ha beneficiato del recupero di alcune banche, come Unicredit (+0,55%) e Banco Bpm(+2,5%). Sono inoltre rimbalzate le Ubi Banca (+0,67%), mentre non sono riuscite a riscattarsi le Intesa Sanpaolo, che ha lasciato sul parterre lo 0,43%. Hanno perso quota le Banca Pop Emilia Romagna (-1,16%), deboli ormai dal giorno della pubblicazione della trimestrale.

Rimbalzo di Poste, Eni e Ynap
Il listino milanese ha ricevuto la spinta di titoli come Poste Italiane (+0,7%) e Yoox Net-A-Porter Group(+1,6%), Generali (+1%)e Finecobank (+2,1%). Il rimbalzo del prezzo del greggio ha incoraggiato gli ordini in acquisto anche su Eni (+0,27%).

Fca maglia nera del Ftse Mib
Le azioni di Fiat Chrysler Automobiles (-3,1%), hanno accusato la performance peggiore del paniere principale, travolte dalla notizia di ieri che l’Unione europea ha aperto una procedura di infrazione contro l’Italia per il mancato rispetto delle norme sulle emissioni inquinanti, relativamente alla 500X.

Come se non bastasse dagli States sono rimbalzate indiscrezioni in base alle quali anche il Dipartimento americano di Giustizia starebbe valutando di avviare una procedura contro Fca se dovessero fallire i negoziati per allineare il gruppo alle regole USA sui veicoli diesel. In effetti se Fca non dovesse raggiungere un accordo per allinearsi alla normativa sulle emissioni di gas, il Dipartimento di giustizia americano è pronto a fare causa alla casa. Causa che potrebbe esporre Fca a sanzioni severe. Sempre secondo indiscrezioni nei documenti legali in via di preparazione l'accusa a Fca è quella di aver usato dispositivi software illegali per aggirare i controlli sulle emissioni inquinanti. Gli esperti temono che la casa italo-americana potrebbe andare incontro a una multa fino a 4,6 miliardi di dollari.

Telecom in retromarcia tra realizzi e timori per azionariato
Sono state vendute a piene mani le Telecom Italia, che hanno registrato un ribasso del 2,6%, mentre il mercato si interroga sul futuro del gruppo. Gli investitori hanno preferito portare a casa i guadagni, dopo la corsa di poco inferiore al 10% essa a punto dal 3 maggio ai giorni scorsi e innescata dalla buona trimestrale firmata dall’ad, Flavio Cattaneo. Per il gruppo di tlc, tuttavia, si apre un fronte di incertezza per il verdetto che a fine mese è chiamata a esprimere Bruxelles in merito alla posizione di forza di Vivendi. In più entro giugno il gruppo transalpino deve svelare le proprie mosse per rispettare la legge Gasparri, che vieta una concentrazione nel settore dei media e delle telecomunicazioni. Secondo il tamtam che corre negli ambienti finanziari è sempre più probabile che Vivendi chieda di congelare i propri diritti di voto sulla quota di Mediaset che eccede il 9% del capitale ossia sul 19% circa del capitale. Intanto, come riportato da indiscrezioni di stampa, la compagnia presieduta da Giuseppe Recchi potrebbe anticipare al primo giugno il prossimo cda, subito dopo la pubblicazione del verdetto dell’Unione europea su Vivendi. Sullo sfondo, in aggiunta, rimane anche la situazione fluida che si è creata in Brasile, con il presidente accusato di corruzione. Il gruppo di tlc controlla Tim Brasil.

Le società Star in rialzo, splende Lucisano sull'Aim
Fuori dal mercato principale, sono state ben comprate numerose azioni: in effetti il Ftse Star ha guadagnato lo 0,38%, sfruttando l'effetto dei così detti Pir che obbligano all'investimento in small caps.
Il miglior titolo di Piazza Affari è stato quello di Lucisano Media Group, balzato in avanti del 9%. La società, quotata sull'Aim, è attiva nella produzione e sitribuzione di film. E' quotata tuttavia solo una piccola fetta del capitale sociale, pari all'11%.

BTp Italia, 5,4 mld agli istituzionali, l'emissione chiude a 8,6 mld
Il collocamento del BTp Italia agli investitori istituzionali ha chiuso questa mattina con una raccolta di 5,4 miliardi. L'undicesima emissione del titolo ha dunque registrato sottoscrizioni complessive per 8,6 miliardi circa, tenendo conto che nei tre giorni dedicati agli investitori retail erano stati raccolti circa 3,2 miliardi. La raccolta di questa emissione è dunque nettamente superiore ai 5,2 miliardi complessivi fatti segnare dall'ultimo collocamento. Intanto, è in rialzo oltre i 180 punti base lo spread BTp/Bund.

Euro stabile sopra 1,11 su bigletto verde. Rimbalza il petrolio
L'euro rimane stbile sopra quota 1,11 rispetto al biglietto verde, mentre gli investitori si interrogano sull'impatto sulle valute della situazione del presidente americano Donald Trump(segui qui l'andamento del dollaro contro le principali divise e qui quello dell'euro). In mattinata è salita la sterlina sul dollaro riconquistando livelli che non vedeva da settembre. A mettere le ali alla valuta di Oltremanica è stato dopo il dato sulle vendite al dettaglio: ad aprile hanno registrato una crescita del 2,3% su mese e del 4% nel confronto annuo. Dati che hanno battuto le attese. Nel pomeriggio ha cambiato rotta il prezzo del petrolio, iniziando a risalire la china (segui qui l'andamento di Brent e Wti).

Dagli Stati Uniti dati macro superiori alle attese
Russiagate a parte, dagli States oggi sono arrivati dati macro migliori delle attese. In particolare è stato annunciato che le richieste iniziali di sussidio alla disoccupazione sono calate di 4mila unità, potandosi a 232mila unità, livello minimo dal 1988. Le previsioni degli analisti erano peggiori. La media delle quattro settimane, più attendibile in quanto non soggetta alle fluttuazioni del mercato, è scesa a 240.750, il minimo dal 1974. In più è emerso che le condizioni del settore manifatturiero nell'area di Filadelfia sono migliorate a maggio. L'indice di riferimento è salito a 38,8 punti, dai 22 punti di aprile, battendo le stime degli esperti. Unico neo della giornata è stato il così detto Super indice, risultato un po' sotto le previsioni, pur fotografando una congiuntura in espansione. Il dato stilato dal Conference Board, sebbene non muova molto i mercati, fornisce elementi importanti per le scelte della Federal Reserve. Il superindice dell'economia, redatto dal gruppo di ricerca privato, è salito dello 0,3%, mentre gli analisti attendevano un rialzo dello 0,4%. Il dato era salito dello 0,4% in marzo e dello 0,5% in febbraio.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata