Finanza & Mercati

Rbd Armatori verso il fondo Pillarstone

Fondi & ETF

Rbd Armatori verso il fondo Pillarstone

  • –Carlo Festa

Nuova operazione in vista per il gruppo Pillarstone, piattaforma di gestione (finanziata anche dal gruppo Usa Kkr) dei crediti problematici con l’obiettivo di rilanciare le aziende. Il fondo internazionale avrebbe infatti rilevato alcuni crediti bancari del gruppo Rbd Armatori, tra le maggiori aziende dello shipping in Italia.

È il proseguimento della strategia di Pillastone focalizzata sul portafoglio di 7 investimenti. «Queste ultime partecipazioni - spiega John Davison, Ceo di Pillastone e socio - si riferiscono ad aziende che contano 10 mila dipendenti, hanno un fatturato complessivo di 3,5 miliardi e meno di 2 miliardi di debiti aggregati».

Tra queste ci sono aziende come Sirti, Premuda , Cuki, Manucor, Lediberg, Burgo e Alfa Park. «Ora - continua John Davison - puntiamo a sostenere il rilancio e la crescita delle aziende in portafoglio: in particolare per Sirti e con significativi investimenti in Alfa Park. Siamo anche in stadio avanzato per una grande acquisizione per consolidare una nostra azienda manifatturiera. Poi, stiamo guardando una pipeline di aziende per un valore di 3 miliardi, composta da opportunità nel Made in Italy, real estate, shipping, manifattura. Sono aziende dove è possibile fare un turnaround di successo». E proprio l’acquisto dei crediti verso Rbd Armatori sarebbe uno dei nuovi investimenti in programma. Ma quanto prevede di investire Pillarstone in Italia? «Al momento - spiega John Davison - non c’è una cifra predefinita, perché gli investimenti dipendono dalle necessità che le aziende hanno per stabilizzarsi e avviare una nuova fase di crescita. Abbiamo capacità più che sufficienti per gestire il nostro portafoglio e l’attuale pipeline, perché abbiamo più di 40 investment professional in Pillarstone Europe, di cui 14 dedicati all’Italia e siamo finanziati da Kkr e da alcuni loro grandi investitori. Nessuna delle nostre banche partner (che hanno conferito i loro crediti nell’iniziativa senza iniettare equity) ha inoltre investimenti in Pillarstone». Con l’operazione Rbd entrerà una quinta banca nella piattaforma Pillarstone (dopo Unicredit, Intesa, Bper e Carige), cioè Mps.

© RIPRODUZIONE RISERVATA