Finanza & Mercati

Con la Yellen «colomba» tornano gli acquisti sui BTp, brillano…

L’asta

Con la Yellen «colomba» tornano gli acquisti sui BTp, brillano le scadenze lunghe

Giudizio positivo da parte degli operatori per l'asta di oggi che ha visto il Tesoro assegnare 7,25 miliardi di BTp a medio e lungo termine con tassi in aumento. La domanda, dicono gli analisti interpellati da Il Sole 24 Ore Radiocor Plus, «è stata soddisfacente (vicina agli 11 miliardi di euro, ndr) e i titoli hanno registrato una buona performance sul mercato secondario subito dopo l'asta, specialmente i BTp con durata maggiore». Il mercato, segnalano i trader, ha registrato in queste ultime ore un cambiamento di tendenza abbastanza netto, complice soprattutto l'ultimo discorso del Presidente della Fed, Janet Yellen, che i mercati hanno interpretato nel senso di un allungamento dei tempi del rialzo dei tassi negli Usa. Sul mercato sono tornati gli acquisti dopo il sell-off degli ultimi giorni e i rendimenti sono in sensibile calo. A beneficiare di questo calo della pressione è soprattutto il segmento lungo ed extra-lungo della curva dei rendimenti.

Il discorso della Yellen ha cambiato l'umore del mercato che, dicono gli operatori, usciva da settimane pesanti di vendite che non avevano fatto troppe distinzioni tra bond periferici e bond emessi da Paesi della «Core Europe». Il possibile prolungamento delle misure espansive di politica monetaria ha dato fiato agli acquisti, prima negli Usa e ora in anche in Europa, dove si attendono in questo senso le parole del Presidente della Bce, Mario Draghi, in agenda per la prossima settimana. C'è però un ottimismo neanche troppo timido a giudicare dagli acquisti che stanno piovendo sul mercato secondario dove sono premiati i bond con scadenze lunghe ed extra-lunghe. In realtà ci sono anche fattori tecnici alla base di queste dinamiche di acquisto. Tra questi figura sicuramente l'elevato livello di scadenze attese per il mese di luglio (che in genere rimettono in circolazione liquidità che viene re-investita sul mercato dei bond) e anche l'atteso e quasi scontato taglio delle aste di metà agosto in Italia (una pratica ormai quasi istituzionalizzata dal Tesoro). Un insieme di fattori che sta impostando in maniera decisamente positiva il mercato dei bond euro in questi giorni.

Se poi anche Mario Draghi, nel suo prossimo discorso, fornirà argomenti a chi sta puntando su un allungamento delle misure straordinarie di politica monetaria attualmente in vigore, c'è da aspettarsi che il flusso di acquisti sul mercato dei bond possa continuare ancora per diversi giorni. In questo caso ne sarà felice anche il Tesoro che continua ad ottimizzare i costi di gestione del debito pubblico. Con le aste di oggi, secondo i calcoli di UniCredit, il costo medio di emissione si attesta su livelli mai cosi' bassi: lo 0,78% di cui l'1,35% per le emissioni a medio e lungo termine e il -0,3% per i BoT.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata