Finanza & Mercati

Parmalat, scossa al vertice: Bernier nuovo ceo

In primo piano

Parmalat, scossa al vertice: Bernier nuovo ceo

  • –Flavia Carletti

Cambio al vertice per Parmalat. Dopo sei anni alla guida, Yvon Guerin lascia, per ragioni personali, la carica di amministratore delegato e direttore generale di Parmalat. Al suo posto sarà nominato Jean-Marc Bernier, attuale ad di Gruppo Lactalis Italia (marchi Galbani, Invernizzi, Locatelli e Vallelata), tutti sotto il controllo della famiglia francese Besnier. Le dimissioni di Guerin avranno effetto dal 12 settembre 2017, dopo l'approvazione della prima semestrale 2017. In quella data si procederà alla cooptazione in cda di Bernier, per poi procedere con l'attribuzione delle deleghe, come proposto dal consigliere Michel Peslier, espressione dell'azionista di maggioranza. Il cda «ha preso atto con rammarico della decisione dell'ingegner Guerin, cui era stata affidata la gestione del gruppo subito dopo l'Opa del 2011 attraverso la quale il gruppo Lactalis è divenuto azionista di maggioranza di Parmalat». Inoltre «ha espresso vivo ringraziamento a Yvon Guerin per aver guidato con successo il gruppo in questi anni, raggiungendo significativi risultati in termini di crescita del fatturato e dell'Ebitda, anche grazie alle acquisizioni che hanno permesso al gruppo di consolidare la sua presenza in alcuni Paesi e di entrare in nuovi mercati». L'attività in mercati come quelli dell'America Latina, tuttavia, potranno rappresentare un rischio per i conti del gruppo. «In America Latina alcune consociate rimangono esposte all’incertezza della situazione politica e continuano a operare in mercati altamente competitivi; in altre realtà di recente acquisizione sono ancora in atto piani di razionalizzazione delle attività produttive e commerciali. Pertanto in tale area non si esclude che ciò possa rallentare la crescita stimata con effetti sulla marginalità per l'esercizio in corso e possibili impatti anche nel medio periodo», avverte il gruppo, dopo aver chiuso il primo semestre, secondo i dati preliminari, con un fatturato netto di 3,274 miliardi di euro (+9,5% sui primi sei mesi 2016, +1,2% a tassi di cambio costanti e perimetro omogeneo). Nello stesso periodo i volumi di vendita hanno registrato un calo del 4,6% riconducibile sostanzialmente a tutte le aree geografiche, in particolare all'America Latina, e, in termini di categorie prodotto, al latte. Tornando a Guerin, il manager non lascia il gruppo, lascia solo l'Italia. Continuerà infatti a operare, con un diverso incarico, presso il quartier generale di Laval (Francia) e per lui non è prevista alcuna buonuscita, anzi verranno meno i diritti connessi al piano di incentivazione triennale di Parmalat.

© RIPRODUZIONE RISERVATA