Finanza & Mercati

Tesla, ricavi raddoppiati ma le perdite salgono a 336 milioni

AUTO ELETTRICA

Tesla, ricavi raddoppiati ma le perdite salgono a 336 milioni

  • – di Redazione Online
(Afp)
(Afp)

Tesla ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con una perdita di 336,4 milioni di dollari, peggiore di quella da 293,2 milioni dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, tuttavia, la perdita per azione è migliorata arrivando a 1,33 dollari da quella di 1,61 dollari per titolo dell’anno precedente: meglio del rosso atteso dagli analisti per 1,82 dollari per azione. I ricavi sono più che raddoppiati a 2,79 miliardi di dollari da 1,27 miliardi, più dei 2,51 miliardi previsti dal mercato.

Nel dettaglio, nei tre mesi finiti il 30 giugno scorso le vendite legate al settore automotive sono praticamente raddoppiate intorno ai 2,2 miliardi e quelle nella categoria “generazione e immagazzinamento di energia” (che fa Solar Roof) sono aumentate a 286,8 milioni di dollari da 3,9 milioni. Tesla ha detto di avere chiuso il secondo trimestre con liquidità a disposizione per 3 miliardi di dollari.

Il problema è che il cash usato nel trimestre è stato superiore a quello del periodo gennaio-marzo: nella lettera ai soci Tesla ha però rassicurato su questo punto, dicendo che quei tre miliardi e il cash che verrà generato nella seconda metà del 2017 saranno sufficienti per finanziare le spese per capitale (stimate in due miliardi di dollari da qui alla fine dell’anno) e per fornire la flessibilità necessaria ad accelerare la produzione - iniziata il mese scorso - del Model 3, la vettura pensata per il mercato di massa.

Nella lettera agli azionisti, il ceo Elon Musk ha detto che «in aggiunta a un aumento degli ordini del Model S e del Suv Model X, la risposta dei consumatori alla Model 3 è stata incredibile». Da quando la settimana scorsa il gruppo ha consegnato ai dipendenti i primi trenta esemplari, il gruppo sta «registrando oltre 1.800 prenotazioni al giorno» della nuova berlina elettrica.

Le consegne a non-dipendenti inizieranno nel quarto trimestre, ha comunicato il gruppo. Musk, che sempre la settimana scorsa aveva detto che aumentare la produzione della Model 3 «sarà un inferno», ha aggiunto: «Ci piacerebbe essere più veloci e dare velocemente a tutti una Model 3».

Tesla è ottimista sul fatto di poter produrre poco più di 1.500 veicoli nel terzo trimestre e raggiungere un tasso di produzione di cinquemila vetture alla settimana entro la fine del 2017. L’obiettivo resta quello di aumentare la produzione della Model 3 a diecimila esemplari alla settimana a un certo punto nel 2018.

Tra aprile e giugno, Tesla ha consegnato circa 22mila vetture tra la berlina Model S e il Suv Model X, in rialzo del 53% sullo stesso periodo del 2016 ma sotto le attese degli analisti di 23.655 unità. In attesa dei conti, arrivati ieri a mercati chiusi, il titolo Tesla era salito dell’1,98% a 325,89 dollari. Nel dopo mercato ha corso di oltre il 3%. Da inizio anno ha guadagnato oltre il 52% e negli ultimi dodici mesi è salito del 43% circa, com Tesla che ha superato la capitalizzazione di General Motors.

© Riproduzione riservata