Finanza & Mercati

Mps, dalla Bce l’ultimo via libera: il controllo passa allo Stato

SALVATAGGI BANCARI

Mps, dalla Bce l’ultimo via libera: il controllo passa allo Stato

L’ultimo timbro della Bce è arrivato: il Monte dei Paschi di Siena da oggi è controllato dal Tesoro. Nessuna comunicazione ufficiale da Francoforte, ma pochi minuti fa, intorno alle 19, la banca ha comunicato «la nuova composizione del capitale sociale risultante dall'aumento intervenuto per effetto dell'emanazione in data 27 luglio 2017 dei decreti del Ministero dell'Economia e delle Finanze». In sostanza la banca oggi ha potuto convertire in azioni i 3,85 miliardi versati la settimana scorsa dal Tesoro, un'operazione formale per la quale serviva un'ultima autorizzazione da parte della Banca centrale europea.

Difficile, se non impossibile, che non arrivasse: tutto era stato predisposto nelle ultime settimane, dallo schema della ricapitalizzazione precauzionale (passato al vaglio di Francoforte) fino al piano industriale 2017/2021, autorizzato dalla Commissione europea a cui spettava l'ultima parola sul tema degli aiuti di Stato.

Con l'aumento di capitale la quota del Tesoro sale al 53,4%, una quota di poco inferiore è in mano ai titolari delle obbligazioni subordinate convertite in azioni, il resto rimane ai vecchi azionisti. La quota dello Stato, però, potrà raggiungere il 70% nell'autunno prossimo, quando la banca proporrà agli obbligazionisti retail – cioè i piccoli risparmiatori – di cedere a loro volta al Tesoro le proprie azioni, ricevendo in cambio bond senior, più garantiti.

L'autorizzazione giunta oggi dal Supervisory Board della Bce (l'organo di Vigilanza sulle principali banche europee) consentirà al cda della banca convocato per domani a Milano di approvare i conti del primo semestre: si chiuderanno con ogni probabilità in rosso per oltre 3 miliardi, perché il Monte ha contabilizzato nel secondo trimestre le svalutazioni (pari a circa 3,9 miliardi) su 26,1 miliardi di sofferenze, destinati a essere cartolarizzati nella seconda metà di quest'anno.

© Riproduzione riservata