Finanza & Mercati

Buffett perde la corsa alla texana Oncor

Fondi & ETF

Buffett perde la corsa alla texana Oncor

Warren Buffeet perde la ciorsa alla texana Oncor per appena 450mila dollari. Nella corsa per accaparrarsi l’utility Oncor, la Berkshire Hathaway del finanziare americano è stata battuta da Sempra Energy. Quest’ultima ha messo sul piatto 9,45 miliardi di dollari, più dei 9,3 miliardi inizialmente offerti e oltre i 9 miliardi proposti dal cosiddetto oracolo di Omaha.

Buffett del resto aveva chiarito la settimana scorsa che la sua offerta non sarebbe stata rivista al rialzo, un approccio tipico per un uomo d’affari noto nel rifiutare di farsi coinvolgere in guerre per accaparrarsi aziende. L’operazione complessiva vale 18,8 miliardi di dollari se si aggiungono oltre 9 miliardi di dollari di debito (quella di Buffett sarebbe arrivata a così 18 miliardi).

Sempra, un gruppo californiano di varie utility, e la controllante di Oncor, e la Energy Future Holdings, hanno siglato l’intesa domenca sera.

È così finito il braccio di ferro tra due giganti della finanza: da un lato Warren Buffett e dall’altro Paul Singer, l’investitore attivista a capo dell’hedge fund Elliott Management; quest’ultimo è il più grande creditore di Energy Future Holdings (un tempo conosciuta come Txu e finita in bancarotta) e si era schierato con Sempra.

«È importante che Oncor resti finanziariamente forte», ha detto in una nota Debra Reed, il Ceo di Sempra. «La nostra proposta aiuterà a raggiungere una soluzione soddisfacente al caso di bancarotta di Energy Future, a tenere finanziarmente forte Oncor e a proteggere i suoi clienti Oncor e allo stesso tempo affrontare le esigenze dei regolatori texani, dei creditori e del tribunale per la bancarotta Usa», ha aggiunto il Ceo.

Da ricordare che Energy Future Holdings fu acquisita nel 2007 da Kkr, Tpg Capital e da un braccio di buyout di Goldman Sachs per la cifra monstre di 45 miliardi di dollari. Fu la più grande operazione di leveraged buyout di sempre. Tuttavia, il debito contratto per comprare il gruppo divenne un peso insostenibile. Per questo Energy Future ha ripetutamente cercato di vendere l’80% nel suo gioiello, Oncor appunto.

Ora Buffett dovrà trovare altri target con cui investire i quasi 100 miliardi di dollari di cash e il settore energetico è sempre stato il favorito. Berkshire Hathaway Energy, la controllata che aveva fatto un’offerta a Oncor, è guidata da colui che è visto da tempo come il possibile successore di Buffett: Greg Abel.

© RIPRODUZIONE RISERVATA