Finanza & Mercati

Generali cede asset olandesi per 143 milioni

assicurazioni

Generali cede asset olandesi per 143 milioni

Generali ha firmato un accordo per la cessione della sua intera partecipazione (98,56%) in Generali Nederland a ASR Nederland, una delle principali compagnie assicurative in Olanda. In seguito a questa operazione Generali riceverà un corrispettivo iniziale pari a 143 milioni di euro, soggetto ad adeguamento alla chiusura dell’operazione. La transazione avrà un impatto positivo in termini di solvibilità di gruppo, permettendo un miglioramento stimato del Regulatory Solvency II Ratio di circa 1,6 punti percentuali. Generali prevede che la cessione comporterà una perdita di realizzo di circa 270 milioni. “Con questa operazione - ha commentato Frederic de Courtois, Group CEO Global Business Lines & International - ribadiamo il nostro impegno nel voler riequilibrare la presenza geografica del gruppo Generali. Dopo aver completato la vendita del business in Guatemala e dopo la cessione di quelli in Colombia e Panama, questa operazione rappresenta un passo significativo per realizzare la strategia annunciata all’ultimo Investor Day. Siamo in linea con il nostro piano e siamo certi che raggiungeremo il nostro obiettivo di ricavi pari ad almeno 1 miliardo”.
Nell’ambito dell’operazione, Generali cesserà di fornire il proprio supporto riassicurativo alle controllate assicurative di Generali Nederland, con il conseguente ritiro da parte della compagnia vita olandese del portafoglio riassicurato con Assicurazioni Generali. Nell’esercizio 2016 il contributo della controllata olandese al risultato operativo di gruppo è stato marginale e pari a circa 9 milioni. Come da prassi, l’operazione è soggetta, inter alia, all’approvazione delle autorità competenti e il suo completamento si prevede entro il primo semestre del 2018. Generali è stata assistita da Bnp Paribas Corporate Finance e Kpmg Corporate Finance in qualità di consulenti finanziari, da Linklaters LLP in veste di consulente legale.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata