Finanza & Mercati

Nuovi record a Wall Street ma Milano non si accoda…

la giornata dei mercati

Nuovi record a Wall Street ma Milano non si accoda (-0,12%). Brilla Atlantia

Andamento titoli
Vedi altro

Seduta contrastata per le Borse europee con Milano che chiude a -0,15% nonostante i nuovi record di Wall Street, con il Dow Jones sopra quota 22.600 punti. In linea anche Madrid, dopo il passaggio a vuoto di ieri, che archivia la giornata a ridosso della parità. A Piazza Affari brilla Atlantia (+1,9%) dopo l'ottimismo dell'ad Castellucci sull'Opa Abertis e che il Governo spagnolo ha assicurato la propria imparzialità sulla partita. Bene anche Yoox Net-A-Porter Group (+1,4%) grazie al buy di Jefferies; chiudono in rialzo anche i petroliferi con Saipem (+1,1%) ed Eni (+0,7%) con il greggio Wti che a New York cede lo 0,2% ma si mantiene sopra i 50 dollari al barile, per la precisione a 50,2 dollari. Realizzi invece su Ferragamo (-3,3%) a fronte dei dubbi di Exane sull'esecuzione del piano. Realizzi anche su alcune banche come Ubi Banca (-1,1%) e Unicredit (-1%). Fuori dal listino principale balzano Biancamano (+30% dopo il via libera agli accordi con le banche sul debito) e Centrale Del Latte D'italia (+19%) grazie all'accordo con Alibaba. Dopo il balzo di ieri Gima Tt chiude in rialzo dello 0,4%. Prosegue il recupero dell'euro che archivia la seduta a 1,176 dollari (1,1733 ieri in chiusura) e 132,56 yen (132,25), mentre il rapporto dollaro/yen è stabile a 112,7.

Analisti prudenti sul piano Ferragamo, bene Ynap

Su Salvatore Ferragamo gli analisti di Exane Bnp Paribas notano che gli ingredienti dei recenti casi di successo nel settore del lusso sono stati, da una parte, il ricambio ai vertici e dall'altra un piano adeguato eseguito con velocità e decisione. Nel caso di Ferragamo,
scrivono gli esperti «abbiamo l'impressione che il piano oggi sia "fare sempre lo stesso ma meglio" e che lo stato attuale dell'esecuzione sia «abbiamo ancora molto lavoro da fare». Exane ha quindi tagliato le stime di utile per azione 2017 e 2018. Nel settore del lusso è stata una giornata difficile anche per Tod's dopo che Kepler Cheuvreux ha tagliato il giudizio a «reduce» da «hold» con target a 54 da 58 euro. In evidenza invece Yoox Net-A-Porter Group: in un report intitolato «Energia cinetica», gli analisti di Jefferies spiegano che il recente roadshow newyochese ha fornito molte informazioni soprattutto grazie alla presenza di Alison Loehnis, presidente di Net-a-Porter e di Mr. Porter. Loehnis, aggiungono gli analisti, ha potuto spiegare in particolare che la piattaforma InSeason dovrebbe fare meglio del previsto e fornire un livello di servizio superiore a quello dei concorrenti. «Il newsflow a 12-18 mesi resta interessante», commentano da Jefferies, notando che il nuovo target price implica un potenziale upside del 20% rispetto agli attuali corsi di Borsa. Gli analisti ritengono quindi che «la guidance oltre il 2018» sia prudente e che la scelta di investimento in Ynap sia «più solida che mai».

Tra gli altri titoli del paniere principale, bene Atlantia dopo che l'a.d. Giovanni Castellucci ha manifestato ottimismo sul via libera all'offerta sulla spagnola Abertis. Sotto la parità Telecom Italia, mentre il mercato attende il piano industriale del nuovo a.d. Amos Genish.

Reply a picco dopo collocamento 7,7% capitale, corre Giglio

Nel resto del listino milanese Reply crolla e scende a 190 euro per azione a cui l'azionista Alika ha effettuato il collocamento del 7,7% del capitale. In seguito all'operazione, realizzata con accelerated bookbuilding riservato a investitori istituzionali e curato da Morgan Stanley, Alika manterrà il controllo del 45,1% del capitale sociale di Reply. Ieri la società aveva chiuso la giornata di Borsa a 208,6 euro.

In evidenza invece Giglio Group, che festeggia gli accordi con Amazon China e Amazon Hong Kong. Prima dell'apertura del mercato, infatti, Giglio ha annunciato le due intese per la distribuzione e-commerce dei brand italiani nella Greater China (Cina e territori amministrati dalla Repubblica popolare cinese). Gli accordi tra Giglio Group e Amazon, indica una nota, non hanno una scadenza temporale e hanno una valenza strategica perché consentiranno al gruppo, attraverso la propria divisione fashion, di proporre e commercializzare i prodotti di abbigliamento e accessori di alcuni dei luxury brand italiani più rinomati nella Greater China.

Spread BTp-Bund stabile, Bonos ancora osservati speciali

Sul mercato obbligazionario, stabili i titoli di Stato italiani. Lo spread tra BTp e Bund chiude stabile sui valori del finale di ieri, con il differenziale tra il decennale benchmark italiano e il pari scadenza tedesco a 175 punti base. Il rendimento del titolo italiano sale al 2,22% dal 2,2% del closing di ieri. Poco mossi anche i Bonos spagnoli, con lo spread Spagna-Germania sulla scadenza decennale a 123 punti dai 124 punti dell'ultima chiusura (119 ieri in avvio e 115 al closing di venerdì scorso) e il rendimento che sale all'1,71% dall'1,69 per cento.

Tokyo +1,05%, aggiorna i massimi dall'agosto 2015
Tokyo ha registrato una nuova chiusura positiva, aggiornando i massimi da oltre due anni aiutata dalla performance di Wall Street. Gli indicatori macro degli Stati Uniti hanno favorito gli acquisti sulla piazza americana e indebolito lo yen nel cambio con il dollaro. Il listino giapponese ne ha approfittato con l'indice Nikkei dei titoli guida che ha terminato in progresso dell'1,05% a 20.614,07 punti, aggiornando i massimi di chiusura da agosto 2015. Il più ampio indice Topix ha guadagnato lo 0,65% chiudendo a 1.684,46 punti. L'attività, tuttavia, è stata piuttosto debole con 1,45 miliardi di titoli scambiati sul mercato primario.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata