Finanza & Mercati

Piazza Affari verso il record del decennio per numero di Ipo

borsa

Piazza Affari verso il record del decennio per numero di Ipo

Agf
Agf

A Piazza Affari arriverà anche Equita Group, società di sales e trading su titoli azionari e obbligazionari per clienti istituzionali nazionali e internazionali, che ha avviato il progetto di quotazione sul mercato Aim Italia. Si tratta solo dell’ultima società italiana che nel corso del 2017 ha annunciato la quotazione a Piazza Affari. Nel corso dell’anno sono state già 30 le operazioni e se le stime per fine anno dovessero essere confermate, con un’altra dozzina di Ipo, il 2017 vedrà il record di quotazioni dell’ultimo decennio. Ad oggi i capitali raccolti sono 4,11 miliardi di euro contro gli 1,45 miliardi di euro dell’intero 2016. Un trend in linea con quanto sta accadendo in Europa, che secondo i dati Bloomberg ha visto 39 miliardi di euro raccolti in Ipo contro i 23 miliardi di euro dell’anno precedente.

«Il 2017 si conferma essere uno dei migliori anni di sempre per numero di nuove matricole e ammontare raccolto. Sono 30 le società arrivate in quotazione da inizio anno, di cui 12 sui mercati regolamentati MTA e MIV e 18 su AIM Italia. Queste società hanno complessivamente raccolto oltre 4 miliardi di Euro, di cui 3.4 miliardi su MTA e 750 milioni su Aim Italia» sottolinea Patrizia Celia, responsabile large caps di Borsa Italiana.

LE IPO A PIAZZA AFFARI
Il 2017 potrebbe essere un anno record per quotazioni a Milano nell'ultimo decennio. (Fonte: Bloomberg)

Certo c’è da considerare che il ritorno in Borsa di Pirelli & Co da solo conta per più di metà dell’ammontare complessivo, con 2,275 miliardi raccolti. D’altra parte anche a livello europeo l’operazione del gruppo guidato da MArco Tronchetti Provera risulta essere la seconda per dimensioni nell’arco del 2017, alle spalle solo di Allied Irisch Banks, che nel maggio scorso raccolse 3 miliardi di euro.

Per altro anche la pipeline del prossimo anno potrebbe essere interessante con nomi come Eataly, Furla e Valentino, che da tempo parlano di una possibile quotazione. Per Esselunga, invece, i tempi sembrano essere più lunghi.

© Riproduzione riservata