Finanza & Mercati

Atlantia-Abertis, al via l’Opa. Red Electrica interessata a…

Infrastrutture

Atlantia-Abertis, al via l’Opa. Red Electrica interessata a Hispasat

Andamento titoli
Vedi altro

Parte ufficialmente l’Opa di Atlantia sul colosso delle autostrade spagnole Abertis, mentre spunta un interesse da parte del gruppo Red Electrica per la controllata del gruppo spagnolo Hispasat. Una operazione, quest’ultima, che se si dovesse tradurre in una offerta vincolante potrebbe richiedere un nuovo intervento della Consob spagnola, chiamata ad esprimersi questa volta sulla possibilità che si mettano in atto operazioni di natura straordinaria nel periodo di adesione all’Opa italiana.

L'Opa di Atlantia
Quindici giorni di tempo. Tanto servirà per capire se Atlantia avrà convinto gli azionisti di Abertis a consegnare i loro titoli al gruppo guidato da Giovanni Castellucci. E’ partito oggi il periodo di adesione all'offerta pubblica volontaria di Atlantia sul colosso delle autostrade spagnole Abertis. L’operazione si chiuderà il 24 ottobre, ha appena comunicato la Cnmv, ovvero la Consob spagnola. La richiesta di un tempo di adesione di due settimane sarebbe pervenuto direttamente dal gruppo italiano. Teoricamente, infatti, l’offerta poteva coprire un arco di quattro settimane.
La scelta di procedere con il «minimo» sul fronte della tempistica, secondo indiscrezioni, da un lato è la naturale conseguenza di una operazione annunciata al mercato ormai da maggio. Dall’altro, un arco di tempo ristretto ha il vantaggio di complicare la costruzione di una eventuale contro Opa, operazione più volte rimbalzata sul mercato ma finora mai annunciata.
In questo scenario i titoli in Borsa si muovono in modo contrastato: le azioni Atlantia segnano intorno alle 11 un lieve calo dell’1,08% a 27,47 euro, mentre i titoli del gruppo spagnolo viaggiano intorno alla parità a un prezzo di 17,32 euro, sopra il prezzo di 16,5 dell’Opa italiana.

Con l’avvio della maxi Opa di Atlantia, che parte in un giorno decisivo per la situazione catalana, in attesa del discorso che questa sera pronuncerà il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, al Parlamento catalano, è partito anche il conto alla rovescia per la controfferta su Abertis della Acs di Florentino Perez, il presidente del Real Madrid, da settimane ritenuta in cantiere dai media spagnoli. Per annunciare una contro mossa Acs avrà tempo fino a cinque giorni prima della fine del periodo di adesione. Dunque c'è tempo fino al 19 ottobre per eventuali rilanci. I cinque giorni prima del termine delle adesioni valgono anche per eventuali rilanci o miglioramenti dell’offerta di Atlantia.
L’Opa, per la quale sono advisor di Atlantia Mediobanca, Credit Suisse e Santander, prevede un corrispettivo di 16,5 euro per le azioni Abertis esistenti, valutando l’intera società 16,3 miliardi. Fino a 230 milioni di azioni Abertis i soci del gruppo spagnolo potranno poi optare in tutto o in parte per ricevere in alternativa nuove azioni speciali Atlantia, con un rapporto di scambio di 0,697 titoli del gruppo italiano per ciascuna azione del gruppo spagnolo. L’operazione è subordinata ad adesioni pari al 50% del capitale più una azione, e che arrivino adesioni allo scambio in azioni speciali pari ad almeno il 10,1% del capitale.

Il caso Hispasat
Il gruppo spagnolo Abertis, nel pieno dell’Opa lanciata da Atlantia, ha confermato oggi l’interesse di Red Electrica per Hispasat ma ha precisato che ancora non c’è un’offerta vincolante. «In relazione alle notizie di stampa su un possibile interesse di Red Electrica ad acquisire la partecipazione di Abertis in Hispasat, conferma di aver ricevuto una manifestazione di interesse da Red Electrica» ha scritto Abertis in una nota diffusa da Cnmv. «Tuttavia finora Abertis - prosegue il comunicato - non ha ricevuto alcuna proposta vincolante e pertanto non è stata portata in cda».
La mossa su Hispasat, se mai dovesse tradursi in una offerta vincolante, potrebbe chiamare in causa la Consob spagnola, per esprimersi sulla possibilità che siano messe in atto operazioni di natura straordinaria dalla società sotto offerta. Tuttavia, si fa notare negli ambienti finanziari, sul tema la normativa non sarebbe così rigida. Tanto più che la stessa Atlantia ha più volte sottolineato che il gruppo satellitare non è strategico. Si ricorda, in proposito l’inserimento di un passaggio dedicato a Hispasat nel prospetto informativo. Nel documento c’è un chiaro riferimento. In particolare, viene demandata a Madrid l'ultima parola rispetto alla possibilità o meno che Hispasat resti nel perimetro del nuovo gruppo che nascerà a valle dell’Opas.

© Riproduzione riservata