Finanza & Mercati

Branca International cede 3,75% Clubitaly (Eataly) per 4,6…

Spirits

Branca International cede 3,75% Clubitaly (Eataly) per 4,6 milioni

Branca International, il gruppo che fa capo all'omonima famiglia e noto , tra gli altri, per i marchi Fernet-Branca, Brancamenta, Grappe Candolini, Sambuca Borghetti e Punt e Mes, ha chiuso il 2016 con un fatturato consolidato in calo del 13,3% a 317,6 milioni da 366,5 milioni dell'anno precedente. L'utile d'esercizo sale a 74,8 milioni dai 70 milioni del 2015 mentre l'utile di pertinenza del gruppo si attesta a 67,3 milioni (da 63 milioni), con 7,7 milioni destinati a dividendo.

A influenzare l'andamento dei ricavi c'è la «significativa svalutazione del peso argentino», che ha perso circa il 60% del suo valore in un solo anno. L'Argentina, si legge nel bilancio 2016 di Branca International, è infatti il principale Paese per fatturato per il gruppo e nel 2016 il mercato argentino ha fatto registrare una generale contrazione e un calo dell' 8,2% del comparto aperitivi.

Dal bilancio 2016 emerge poi che nel marzo 2016 Branca International ha ceduto il 3,75% di Clubitaly alla società stessa. Clubitaly è la holding costituita nel 2014 da Tip (27,5%) insieme con alcune famiglie di imprenditori e family office con la finalità di acquisire il 20% di Eataly. Branca International ha ceduto il suo 3,75% di Clubitaly, che aveva acquistato per 4,5 milioni nel marzo 2014, per 4,6 milioni realizzando così una plusvalenza di 110 mila euro.

A Branca International fanno capo le sub-holding Fratelli Branca Distillerie e Branca Real Estate, nonchè la società Centro Studi Fratelli Branca e le controllate indirettamente attraverso le sub-holding. Detiene anche una partecipazione infinitesimale, nell'ordine dello 0,00006%, interamente svalutata, in Bioera. Nel 2009 la quota era pari all'8%.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata