Finanza & Mercati

Generali lancia Welion, società di servizi welfare

ASSICURAZIONI

Generali lancia Welion, società di servizi welfare

Generali Italia lancia Generali Welion, la nuova società di servizi che si occuperà di welfare. Generali Italia punta così a consolidare la propria leadership su un business strategico e previsto in forte crescita, che oggi conta 1,3 milioni di clienti e nel 2016 circa 3 miliardi di premi tra previdenza complementare e salute, con quest'ultima che da sola vale circa 500 milioni. Marco Sesana, ad di Generali Italia, ha preannunciato investimenti «fino a 50 milioni di euro nel prossimo triennio per migliorare la qualità e l'accessibilità dei servizi in questo settore importante per il cittadino, i lavoratori e la crescita delle imprese». Il manager ha aggiunto che la società punta ad aumentate «entro il 2021 del 25% i premi del settore salute e di 30 milioni di euro il risultato tecnico».

Andrea Mencattini, ad di Generali Welion, ha rilevato che «la società si propone di offrire consulenza e servizi di gestione su tutte le iniziative di welfare integrato sanità, previdenza, non autosufficienza, flexible benefit, forti della nostra expertise nel welfare integrato, grazie a programmi di welfare che applichiamo ai nostri 15 mila dipendenti, alla conoscenza del mercato con Welfare Index Pmi e alla nostra ampia offerta assicurativa».

La società offrirà soluzioni nel mondo della salute individuale e del welfare aziendale attraverso nuove tecnologie e lo sviluppo di partnership strategiche. Generali Welion sara' operativa dal primo gennaio 2018. Nascerà con l’obiettivo di gestire prestazioni sanitarie, incrementando i livelli di servizio per il cliente e i network sanitari supportando con nuove tecnologie il rapporto tra pazienti e medici. Offrirà inoltre servizi di consulenza e gestione del welfare aziendale e creerà servizi personalizzati anche non assicurativi per i 10 milioni di clienti in Italia. «Abbiamo raggiunto un accordo con i sindacati e entro il 2019 contiamo di assumere 100 giovani», ha inoltre dichiarato Sesana.

© Riproduzione riservata