Finanza & Mercati

Gli uffici di Talent Garden entrano nel network di Google for Entrepreneurs

intese

Gli uffici di Talent Garden entrano nel network di Google for Entrepreneurs

Talent Garden, una startup che offre uffici condivisi a freelance e aziende, entra nel circuito di Google for entrepreneurs: la divisione del colosso californiano specializzata nel connettere e supportare le imprese innovative su scala globale, con un network che conta 50 realtà in 135 paesi. L’annuncio è arrivato lunedì da uno delle sedi milanesi di Talent Garden (Milano Calabiana), con la partecipazione del fondatore Davide Dattoli, del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, del managing director italiano di Google Fabio Vaccarono e di David Grunwald, capo globale delle partnernship di Google for entrepreneurs.

Fondata a Brescia nel 2011, Talent Garden ha chiuso l’anno scorso un aumento di capitale da 12 milioni di euro per rinsaldare un business incentrato su un'offerta di spazi di coworking, affiancato a corsi interni a pagamento e organizzazione di eventi. Oggi, secondo i numeri comunicati dall’azienda, l’attività è arrivare a inaugurare 18 sedi e coinvolge 1500 membri. L’intesa con Google ha l’obiettivo di «internazionalizzare» le startup che orbitano nei vari campus della società, facilitando il contatto con le aziende sostenute da Google e dando il via libera all'accesso a programmi come Blackbox Connect, una sorta di camp che si svolge in Silicon Valley e consiste in sessioni di training e incontri mirati con investitori. La scelta di Milano non è casuale: oltre il 20% delle quasi 8mila startup registrate in Italia hanno sede nel capoluogo lombardo, offrendo a Google un ingresso privilegiato per la penetrazione nel mercato italiano delle imprese innovative.

«Siamo orgogliosi di poter offrire anche in Italia le opportunità di crescita di Google for Entrepreneurs» ha osservato David Grunwald, senior manager di Google for Entrepreneurs in Europa, Medio Oriente e Africa, che ha aggiunto: «Milano vanta una forte comunità di startup ed è con grande piacere che accogliamo Talent Garden e il mondo dell'imprenditoria innovativa italiana nel nostro network internazionale».

«Vogliamo dare ai migliori professionisti del digitale e della tecnologia la possibilità di crescere e connettersi con un network internazionale» ha dichiarato Davide Dattoli, ceo di Talent Garden, aggiungendo poi: «La partnership con Google for Entrepreneurs sigla una unione di intenti per dare alle startup italiane opportunità di crescita, di mentorship e di accesso a una rete di eventi globale».

«Avere la più grande piattaforma Ue di coworking qui a Milano credo sia una grande opportunità e soprattutto la possibilità di mettere insieme le
migliori risorse anche del privato, su come rendere la nostra industria sempre più moderna con la capacità poi di affrontare le sfide del futuro», ha sottolineato
la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, ricordando che «il governo è stato a fianco delle imprese che hanno avuto voglia di trasformarsi, di affrontare il processo di modernizzazione tecnologica: con il progetto 4.0 sia il governo Renzi sia quello Gentiloni, finanziando le imprese che hanno avuto voglia di scommettere sul futuro cercando nuove forme di collaborazione per sostenere le startup e fare in modo che siano accessibili anche nuovi capitali, perché poi le idee vanno sostenute con risorse economiche». (Alb. Ma.)

© Riproduzione riservata