Finanza & Mercati

F2i chiude il terzo fondo con Canada e Singapore

parterre

F2i chiude il terzo fondo con Canada e Singapore

F2i è a un passo dal closing del terzo fondo, che dovrebbe arrivare entro fine anno per complessivi 3 miliardi di euro. Negli ultimi giorni, con il supporto degli advisor Mediobanca e Bnp Paribas, è stata chiusa la raccolta da nuovi investitori esteri tra cui spiccano Gic, il fondo sovrano di Singapore, e Psp, ovvero il fondo pensione dei dipendenti pubblici e delle forze dell’ordine canadesi, che ha asset in gestione per 140 miliardi di dollari. Assieme i due investitori avrebbero sottoscritto quote per 1 miliardo di euro. In tutto dagli sponsor stranieri, come anticipato da Radiocor, arriverebbero circa 1,2-1,3 miliardi a fronte di un forte interesse mostrato da fondi pensione e fondazioni bancarie italiane.

Il primo fondo di F2i, che si fonderà col terzo in fase di nascita, è stato valutato 2 miliardi e tra gli attuali soci (Cdp, Intesa Sanpaolo, Ardian, Cariplo e varie Fondazioni e Casse di Previdenza) c'è chi ha arrotondato la propria posizione e chi invece ha preferito essere liquidato; Unicredit, che era uscita nei mesi scorsi, avrebbe optato per reinvestire, seppur con un impegno più ridotto. Considerando la nuova raccolta e le modifiche nella geografica dei “vecchi” sponsor, chiamati comunque nell'assemblea del 13 dicembre ad approvare l'operazione, il terzo fondo avrà un ammontare di 3 miliardi. Con una possibile “coda” di raccolta nei prossimi mesi. (Ch.C.)

© Riproduzione riservata