Finanza & Mercati

Mister Technogym: utile in calo per la holding lussemburghese

Fitness e wellness

Mister Technogym: utile in calo per la holding lussemburghese

Andamento titoli
Vedi altro

Utile in calo per Lqh, la holding lussemburghese di Nerio Alessandri, il ‘patron’ di Technogym, che conta comunque oltre 500 milioni di profitti a nuovo e liquidità per quasi 150 milioni. Nel 2016 la finanziaria, fondata nel 1997, ha segnato un profitto netto di 2,9 milioni contro i 14 milioni dell’anno precedente, come indicano i documenti depositati nel Granducato e consultati da Radiocor. Il risultato è stato riportato a nuovo portando il totale dei profitti a nuovo a 506 milioni di euro. La cassaforte, che ha asset per 523 milioni di euro, in seguito all’assemblea del 20 settembre 2017, ha distribuito un dividendo di 4 milioni di euro. Lqh a fine 2016 aveva investimenti in valori mobiliari per 357,6 milioni di euro (in aumento di 1 milione circa dal 2015) e liquidità per 148 milioni di euro da 144 milioni. In base al bilancio, le maggiori partecipazioni sono il 44% nella Cortina Mare srl, del valore contabile di 4,5 milioni che nel 2016 ha segnato una perdita di 263mila euro, il 100% nella Nepi Sa., che vale 1 euro e nel 2016 ha segnato un rosso di 18.700 euro e il 100% nella slovacca Sobeat (valore 6.000 euro, utile di 269mila euro nel 2015). Technogym, di cui Nerio Alessandri è fondatore, presidente e amministratore delegato, è controllata al 52% tramite la Wellness Holding Srl.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata