Finanza & Mercati

Un mondo con il vento in poppa: sono solo sei gli Stati in recessione…

  • Abbonati
  • Accedi
Economia globale

Un mondo con il vento in poppa: sono solo sei gli Stati in recessione (erano 94 nel 2009)

Una turbina eolica a Rugsted, in Danimarca (Afp)
Una turbina eolica a Rugsted, in Danimarca (Afp)

Nel mondo ci sono 206 Stati. Nel 2009, l'hanno successivo al fallimento di Lehman Brothers che è considerato il simbolo dell'ultima grande crisi prima finanziaria e poi economica globale, 94 Paesi piombarono in recessione. Il Pil (dato dalla somma del reddito annuo generato da Stato, famiglie, imprese e la differenza tra esportazioni e importazioni verso altri Stati) quell'anno diminuì di oltre 4 punti percentuali in media negli Stati Uniti, la prima economia del mondo. All'Italia le cose andarono peggio, perché il Pil arretrò del 5,8%. Persino in Germania, oggi lo Stato più forte dell'Eurozona, il 2009 fu un anno nero perché la domanda aggregata degli attori economici (un altro modo per definire il Pil) perse oltre il 6 per cento.

Da allora le cose però per il mondo sono decisamente migliorate. Nel 2010 il male della recessione colpì 19 Paesi salvo poi avere un nuovo mini-picco (36 Paesi) nel 2012. Oggi l'economia viaggia in fase di rinnovata espansione. Gli esperti chiamano il nuovo ciclo come quello della Goldilocks economy (l'economia dei “Riccioli d'oro”) ispirandosi alla favola “Riccioli d'oro e i tre orsi” in cui Riccioli d'oro afferma di preferire il porridge che è della giusta temperatura, né troppo caldo né troppo freddo. Una metafora dell'attuale crescita economica globale, che procede moderata costante da un lustro tra il 3 e il 4% annuo. E che soprattutto abbraccia sempre più Stati. Stando alle previsioni infatti il 2018 potrebbe chiudersi con un nuovo record: quello in cui appena 6 Stati (su 206) chiudono con i conti in rosso. La tendenza da qui al 2021 potrebbe addirittura migliorare fino a (quasi) azzerare il numero di Paesi in decrescita.

NUMERO DI PAESI IN RECESSIONE

Dietro quindi gli altri record di cui leggiamo ormai ogni giorno (fra cui quello delle Borse che sono ai massimi di tutti i tempi con un valore che ha superato 85mila miliardi di dollari) c'è della sostanza, ovvero c'è la crescita delle economie oggi misurate attraverso il Pil.

Non bisogna però commettere l'errore di confondere quantità (crescita del Pil in senso stretto) con qualità (distribuzione della ricchezza all'interno della società). Secondo l'ultimo rapporto Oxfam, “Ricompensare il lavoro, non la ricchezza” è emerso un dato assai preoccupante sul fronte qualitativo: l'82% dell'incremento della ricchezza globale che è stata generata nel 2017 è andata nelle tasche dell'1% più ricco della popolazione. Nulla è invece stato “distribuito” al 50% più povero.

Chissà cosa ne penserebbe in proposito Bob Kennedy, fratello di John Fitzgerald (35esimo presidente degli Usa, poi assassinato) quando dichiarò in un celebre discorso pubblico che il “Pil misura tutto, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta”.

twitter.com/vitolops

© Riproduzione riservata