Finanza & Mercati

Lvmh in rally a Parigi dopo i conti record, vede rosa anche per il 2018

LUSSO

Lvmh in rally a Parigi dopo i conti record, vede rosa anche per il 2018

Il ceo di Lvmh, Bernard Arnault
Il ceo di Lvmh, Bernard Arnault
Andamento titoli
Vedi altro

Balzo di Lvmh a Piazza Affari: subito dopo l'avvio delle contrattazioni il titolo del primo gruppo del lusso al mondo è salito in cima al listino francese ed è arrivato a guadagnare oltre il 5% (Parigi è la piazza migliore in Europa). Vanno bene anche le azioni del competitor Kering, la seconda miglior performance del listino. A far scattare gli acquisti sul colosso del lusso i dati del 2017 migliori delle attese e le buone prospettive per l'anno appena iniziato, che hanno mostrato un aumento dei ricavi del 13% e un miglioramento della bottom line del 29%. A livello organico, i ricavi sono saliti del 12%. Nel quarto trimestre i ricavi sono saliti dell'11% su base organica, secondo i dati diffusi ieri a Borsa chiusa.

Lvmh, che controlla 70 marchi del lusso dallo champagne Dom Perignon champagne a marchi della moda come Louis Vuitton, Fendi e Givenchy, si è mostrata moderatamente ottimista per il 2018 affermando che «in un contesto che rimane di sostegno all'indizio dell'anno e nonostante i cambi sfavorevoli e le incertezze geopolitiche, Lvmh è ben posizionata per continuare la sua crescita in tutti i business nel 2018». Il gruppo proporrà un dividendo di 5 euro per azione, in salita del 25%. Un dividendo intermedio di 1,6 euro per azione è stato pagato il 7 dicembre dello scorso anno, il saldo di 3,4 euro sarà pagato il 19 aprile. Il gruppo francese «ha raggiunto un nuovo anno record. L'eccellente performance, cui hanno contribuito tutte le attività, è dovuta in parte alla situazione globale vivace ma soprattutto alla eccezionale forza creativa dei nostri marchi e alla loro capacità di reinventarsi costantemente», ha commentato Bernard Arnault, presidente e ceo di Lvmh.

(Il Sole 14 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata