Finanza & Mercati

The big short. Bridgewater vende allo scoperto 18 blue chip italiane

  • Abbonati
  • Accedi
posizioni per 3 miliardi

The big short. Bridgewater vende allo scoperto 18 blue chip italiane

(Agf)
(Agf)

L’hedge fund Bridgewater incrementa la sua commessa contro l’Italia e Piazza Affari man mano che si avvicinano le elezioni politiche del 4 marzo. Il fondo Usa ha aumentato infatti le sue posizioni ribassiste, vendendo allo scoperto le azioni di 18 blue chip. Oggetto delle scommesse, che emergono dagli aggiornamenti della Consob sulle posizioni nette corte, sono tra gli altri Intesa, Unicredit, Enel, Eni, Generali, Atlantia, Terna e Snam. Secondo i calcoli di Bloomberg, da ottobre Bridgewater ha triplicato le sue posizioni da 1,1 a 3 miliardi di dollari.

La posizione ribassista più consistente di Bridgewater è verso Intesa Sanpaolo, nei confronti della quale il fondo Usa ha ampliato la sua scommessa ribassista all'1,01% del capitale. Seguono Enel (0,92%), Eni (0,9%), Unicredit (0,7%), Banco Bpm (0,7%), Bper (-0,7%), Prysmian (0,7%), Generali (0,6%), Azimut (0,6%), Ubi (0,6%). Shortate per una quota pari allo 0,5% del capitale sono Unipol, Terna, Snam, Mediobanca, Moncler, Leonardo, Fineco e Atlantia.

Di Bridgewater, il più grande hedge fund al mondo, si era parlato a metà ottobre, quando erano emerse posizioni ribassiste per 713 milioni di dollari contro le principali banche italiane proprio mentre l'addendum della Bce, che conteneva criteri stringenti sulla svalutazione dei crediti deteriorati, aveva affossato i titoli del settore. In quell'occasione il ceo di Intesa, Carlo Messina, aveva bollato come perdente la scommessa del fondo, che aveva una posizione netta corta sullo 0,5% del capitale di Ca' de Sass. «Secondo me perderanno una significativa opportunità di fare soldi con queste buone azioni italiane», aveva detto.

Ma non è solo Bridgewater a puntare contro Piazza Affari guardando a un voto che rischia di non dare una maggioranza chiara al Paese: tra i fondi più attivi c'è Aqr Capital management, che ha scommesso contro 11 società italiane, con posizioni ribassiste decisamente più consistenti, tra cui spiccano quelle sulle banche Bper (4,31%), Banco Bpm (2,65%), Ubi (1,7%) e Unicredit (1,27%) e sui petroliferi Saipem (2,39%) e Tenaris (1,99%). E poi Marshall Wace che ha messo nel mirino 10 società a partire, ancora una volta, dai bancari Ubi (2,73%) e Banco Bpm (2,22%).

© Riproduzione riservata