Finanza & Mercati

Per Mediobanca semestre da record. Alza la quota di utili per i dividendi

  • Abbonati
  • Accedi
banche

Per Mediobanca semestre da record. Alza la quota di utili per i dividendi

(Sintesi Visiva)
(Sintesi Visiva)
Andamento titoli
Vedi altro

Mediobanca ha chiuso il primo semestre dell'esercizio 2017/2018 con un utile netto record di 476 milioni, in aumento del 14% rispetto allo stesso periodo dell'esercizio precedente. Record anche per i ricavi (+9% a 1,2 miliardi) e per l'utile operativo, salito del 23% a 523 milioni. Il margine di interesse è cresciuto del 6% a 672 milioni, grazie soprattutto al Credito al consumo (+6%) allo Specialty finance (+40%), nonchè alla crescita, anche attraverso acquisizioni, del Wealth management (+8%). Le commissioni nette sono aumentate del 23% a 291 milioni per il maggior apporto di Wealth management (+35% a 122 milioni) e Cib (+9% a 117 milioni). I costi di struttura, d'altra parte, sono saliti del 15,1% a 533,6 milioni. Le rettifiche su crediti sono scese del 38% a 113 milioni, con costo del rischio quasi dimezzato a 58 punti base. Mediobanca ha deciso di alzare il payout ratio al 40-50% rispetto al 40% comunicato in occasione della presentazione del piano al 2019. Scelta che la banca ha potuto fare, ha spiegato l'a.d. Alberto Nagel in una conference call con le agenzie di stampa, grazie «ai trend operativi piu' robusti e alla generazione di capitale». In Borsa in apertura il titolo guadagna lo 0,6% mentre l'indice FTSE MIB è piatto.


Nagel, eccesso di capitale per cedole e M&A mirate
«Vogliamo avere un mix di capitale che ci collochi tra i gruppi più solidi, che ci consenta di aumentare progressivamente in base ai risultati la remunerazione degli azionisti e ci lasci spazio per operazioni tattiche di M&A come fatto in questi anni. Operazioni mirate di M&A che, se fatte in maniera continuativa, pongono le condizioni per una crescita importante del gruppo» Lo ha dichiarato l'a.d. di Mediobanca, Alberto Nagel, rispondendo a chi gli chiedeva come l'istituto utilizzare il consistente eccesso di capitale rispetto ai requisiti regolamentari. Nagel ha poi notato che, per quanto riguarda i possibili target per acquisizioni, «il nostro interesse è nel wealth management e nel consumer credit e anche una nicchia nello Specialty finance». Nel wealth management, in particolare, «siamo sempre alla ricerca di possibilita' di crescere nella parte distributiva, in un discorso quasi esclusivamente domestico», mentre «xi qualità». Infine Mediobanca è interessata «a espandere il consumer, che ha dimostrato una capacità di generare valore nel lungo termine».

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata