Finanza & Mercati

Ima corre, per Equita è «da comprare»

  • Abbonati
  • Accedi
borsa

Ima corre, per Equita è «da comprare»

Ima ha registrato una delle performance migliore del mercato sulla spinta del giudizio positivo espresso da Equita.

Equita quest’oggi ha rivisto al rialzo a «Buy» il giudizio sulle azioni di Ima, dopo la debolezza accusata dalle quotazioni del'azienda che fa capo alla famiglia Vacchi dalla scorsa estate, da quando hanno perso circa il 16% del proprio valore andando in controtendenza anche con l’indice delle società a media capitalizzazione. I titoli sono infatti stati penalizzati sia dalla quotazione di Gima Tt, nata da una costola di Ima, sia dalla flessione della redditività registrata dalla divisione Food&Others. Fattori, ad ogni modo, che secondo gli esperti di Equita ormai «sono alle spalle».

In più gli analisti della sim sono pronti a scommettere su risultati confortanti del business ex-tabacco, con una raccolta ordini in crescita e profittabilità in miglioramento fin dagli ultimi mesi del 2017. Per altro anche la divisione Food&Others è stata riorganizzata e dovrebbe iniziare a mostrare un miglioramento in tema di redditività. «Questo miglioramento, unito alla crescita nel tabacco e nel comparto del farma dà forte supporto alla nostra stima di un ebitda 2018 attorno a 243 milioni, livello superiore a quello del consensus attorno a 238 milioni», spiegano gli esperti di Equita, che dunque hanno alzato il target di prezzo a 80 euro. La società annuncerà i numeri preliminari del 2017 il prossimo 19 febbraio.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata