Finanza & Mercati

Le Winx «in volo» verso Piazza Affari: in Borsa fino al 40%…

gruppo Rainbow

Le Winx «in volo» verso Piazza Affari: in Borsa fino al 40% della società

Le fatine Winx, i cartoni animati famosi in tutto il mondo, sbarcano in Borsa. Rainbow, la società di Iginio Straffi che opera nel segmento dell’intrattenimento per bambini e teenager ha presentato la domanda di ammissione al mercato Star di Borsa Italiana. Rainbow è un gruppo media, al tempo stesso content provider. Attivo in 180 Paesi, genera il 20% del fatturato grazie alla vendite al colosso Usa Netflix. Si tratterà di un collocamento riservato ad investitori qualificati in Italia e all’estero. L’azienda, partecipata anche al 30% dal colosso dell’entertainment Viacom, ha affidato nei mesi scorsi l’incarico di global coordinator dell’Ipo a Credit Suisse e Unicredit.

Il prospetto relativo all'ammissione a quotazione è stato presentato a Consob. Le azioni oggetto dell’offerta saranno poste in vendita da Straffin e Viacom Holdings Italia che detengono, rispettivamente, il 70,38% e 29,62% del capitale sociale. Il numero complessivo di azioni in vendita sarà determinato in prossimità dell’avvio dell’offerta: ma è probabile che l’offerta, inclusa l’opzione greenshoe, possa avere ad oggetto fino al 40 per cento. È previsto che l’Ipo venga completata entro maggio.

Il gruppo ha chiuso il 2017 con ricavi per 86,75 milioni (74 milioni nel 2016), un ebitda di 26,4 milioni (22,1 nel 2016), un ebitda margin del 30,5% (29,9% nel 2016), un utile di 2,9 milioni di euro (9,2 milioni nel 2016). L’utile dello scorso anno sconta,“la svalutazione della partecipazione di minoranza in Alfa Park Srl” per 4,4 milioni , oltre all’incremento «rispetto agli esercizi precedenti degli ammortamenti per immobilizzazioni immateriali», pari a 15,5 milioni nel 2017, «a seguito dell’impatto delle nuove property Maggie & Bianca Fashion Friends, Regal Academy e World of Winx e del film La ragazza nella nebbia».

I ricavi di licensing sono stati, lo scorso anno, di 29,3 milioni, quelli da prodotti 13,5 milioni e i proventi da servizi 23,8 milioni. Per un totale, compresi altri ricavi , di 86,75 milioni contro 74 milioni nel 2016. Negli ultimi anni, Rainbow è cresciuta per acquisizioni dopo aver rilevato la canadese Bardel Entertainment, studio di animazione con 30 anni di storia. Infine nel 2017 Rainbow ha rilevato la maggioranza del gruppo Iven, di cui fanno parte Colorado Film, Moviement, San Isidro e la partecipazione in Gavila srl. Il gruppo Iven è stato fondato nel 1986 dall’agente e produttore Maurizio Totti, dal regista premio Oscar Gabriele Salvatores, dall’attore Diego Abatantuono e dall’attore Paolo Rossi. Legali dell’Ipo sono Gatti Pavesi Bianchi, Shearman & Sterling e Clifford Chance.

© Riproduzione riservata