Finanza & Mercati

3/6 Le tappe/ Le contestazioni a Saipem

  • Abbonati
  • Accedi
    il nuovo presidente consob

    Tutti i dossier di Mario Nava, dalla contesa su Telecom alla sfide della regolazione tech (RegTech)

    Lunedì si insedia il nuovo presidente della Consob a quattro mesi dalla designazione, avvenuta lo scorso 22 dicembre. La lunga attesa è legata al fatto che Nava ha voluto portare a compimento la proposta della Commissione sugli accantonamenti per i crediti deterioratI da parte delle banche (proposta presentata a metà marzo). Nel frattempo il governo italiano ha chiesto il distacco dell'alto funzionario - Nava è responsabile della direzione generale per la stabilità finanziari e dei mercati (Fisma). - che è stato deliberato da Bruxelles dopo Pasqua. Nava arriva nel momento saliente della contesta per il controllo di Telecom.

    3/6 Le tappe/ Le contestazioni a Saipem

    L'attenzione dell'Autorità per le società a matrice pubblica non si ferma al dossier Telecom. Due contestazioni sono state inviate nelle scorse settimane al management di Saipem (società partecipata direttamente da Cdp e attraverso Eni), che nei giorni scorsi ha visto rinnovare il vertice con l'arrivo alla presidenza di Francesco Caio (Stefano Cao è confermato ad). La prima è relativa alla contabilizzazione di alcune voci del bilancio 2016. La società ha chiesto ulteriori chiarimenti a Consob, la quale si attende la presentazione di un nuovo bilancio pro-forma che includa le correzioni. Ma il management è pronto a presentare ricorso al Tar contro i rilievi dell'Authority. La seconda contestazione è relativa al prospetto per l'aumento di capitale varato due anni fa e basato su una serie di assunzioni del piano industriale che vengono messe in discussione. Gli approfondimenti Consob potrebbero richiedere alcuni mesi, ma la prospettiva è che prima della fine dell'anno possa essere comminata una elevata sanzione.

    © Riproduzione riservata