Finanza & Mercati

2/6 Le tappe/La contesta sul capitale di Telecom

    il nuovo presidente consob

    Tutti i dossier di Mario Nava, dalla contesa su Telecom alla sfide della regolazione tech (RegTech)

    Lunedì si insedia il nuovo presidente della Consob a quattro mesi dalla designazione, avvenuta lo scorso 22 dicembre. La lunga attesa è legata al fatto che Nava ha voluto portare a compimento la proposta della Commissione sugli accantonamenti per i crediti deterioratI da parte delle banche (proposta presentata a metà marzo). Nel frattempo il governo italiano ha chiesto il distacco dell'alto funzionario - Nava è responsabile della direzione generale per la stabilità finanziari e dei mercati (Fisma). - che è stato deliberato da Bruxelles dopo Pasqua. Nava arriva nel momento saliente della contesta per il controllo di Telecom.

    2/6 Le tappe/La contesta sul capitale di Telecom

    Esposti e segnalazionI alla Consob sono stati presentati sia dal fondo Elliott che dal board di Telecom Italia e dal suo principale azionista, Vivendi. Uno dei momenti chiave sarà la prima assemblea in programma, il prossimo 24 aprile, quando i soci sono chiamati a votare sulla revoca e nomina di 6 consiglieri. A quella assemblea prenderà parte anche la Cdp, controllata dallo Stato, che ha rilevato un quota del 4,2% del capitale Telecom e condivide le strategie del fondo Elliott (che punta allo scorporo della rete fissa e alla fusione con Open Fiber). Lo svolgimento di questo punto è tutt'ora un punto interrogativo. Il board di Telecom lunedì scorso ha contestato la richiesta del collegio sindacale di integrare l'ordine del giorno dell'assemblea per consentire di votare su revoca e rinomina dei consiglieri. E ha annunciato un ricorso di urgenza al giudice per bloccare quel voto; contestualmente ha inviato la delibera del cda alla Consob. Due giorni prima il fondo Elliott aveva mandato una segnalazione, chiedendo all'Autorità di vigilare affinché ai soci sia garantita la possibilità di esprimersi attraverso il voto. Sarà un giudice a decidere se potrà votare o meno, ma probabilmente anche la Consob dovrebbe in qualche modo esprimersi prima del 24 aprile.

    © Riproduzione riservata