Finanza & Mercati

Atlantia debole all'indomani della conclusione dell'opa su Abertis

  • Abbonati
  • Accedi
infrastruttute

Atlantia debole all'indomani della conclusione dell'opa su Abertis

Atlantia debole a Piazza Affari, nonostante si sia conclusa con successo l’operazione di acquisizione sulla spagnola Abertis realizzata insieme alla tedesca Hochtief, controllata dal gruppo spagnolo Acs. I titoli channo il segno meno Ieri è stato comunicato che è stata superata la soglia minima di adesioni all’opa, pari a 495 milioni di azioni. Nel dettaglio, sono state consegnate complessivamente 780.317.294 azioni, pari al 78,79% delle azioni a cui l’offerta era indirizzata. La percentuale di adesione sale all’85,60% del capitale sociale se non si tiene conto delle 78,8 milioni di azioni proprie che Abertis detiene. A questo punto si procederà al delisting, che tuttavia potrebbe richiedere qualche mese. Gli analisti di una primaria sim notano però che il mancato raggiungimento della soglia del 90% rende impossibile lo squeeze out e dunque allunga ulteriormente i tempi. Va ricordato che l’opa su Abertis tecnicamente è stata lanciata da Hochtief, che a questo punto chiedere il delisting. Secondo Expansion, la legge spagnola permetterebbe di facilitare l`acquisizione delle azioni rimanenti attraverso un ordine di acquisto allo stesso prezzo dell’opa, per la durata di un mese, nei 6 mesi successivi all`offerta. Rimane, però, l'incertezza sul livello di adesioni e dunque sull'esborso complessivo finale che dovranno sostenere Hotchief, Acs e Atlantia.
Per adesso l’acquisto di Abertis è costato complessivamente 14,3 miliardi di euro, livello inferiore al massimo previsto fino a 16,9 miliardi. Nei prossimi mesi Hochtief conferirà le azioni del gruppo acquistato ad un veicolo controllato al 50% più 1 azione da Atlantia e per il restante 30% da ACS e 20% meno un’azione da Hochtief.
Gli analisti di Equita sono positivi sul gruppo che fa capo alla famiglia Benetton: hanno raccomandato un ‘Buy’ con target di prezzo a 31,5 euro. Gli eperti di un'altra primaria sim consigliano invece prudenza (Hold con target di prezzo a 28,5 euro), anche nell'attesa di conoscere i dati definitivi dopo il delisting e dunque l'impatto sul debito del gruppo. «In caso di mancata adesione di tutte le azioni che non hanno aderito all'opa - spiegano gli analisti - vi potrebbe essere un impatto positivo sul rapporto tra debito ed ebitda prospettico di 0,2 volte».

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata