Finanza & Mercati

La bozza M5S-Lega affossa Mps in Borsa: «Ridefinire…

  • Abbonati
  • Accedi
banche e nuovo governo

La bozza M5S-Lega affossa Mps in Borsa: «Ridefinire obiettivi banca»

La sede di Banca Monte dei Paschi a Siena
La sede di Banca Monte dei Paschi a Siena

Banca Monte dei Paschi di Siena ha perso in Borsa l'8,86% a fronte di un settore bancario complessivamente sottotono a Milano. Il tonfo delle azioni Mps, che a inizio settimana erano tornate in area 3,3 euro grazie ai conti trimestrali, è dovuto, secondo gli operatori, all'esplicito riferimento fatto alle strategie dell'istituto nell'ultima bozza di contratto tra Lega e Movimento 5 Stelle che stanno lavorando al programma di una possibile maggioranza di governo. «Con riferimento alla banca Monte dei Paschi - si legge nel paragrafo Tutela del risparmio della bozza del 16 maggio - lo Stato azionista deve provvedere alla ridefinizione della mission e degli obiettivi dell'istituto di credito in un'ottica di servizio».

Mps ha come azionista di controllo il ministero delle Finanze che è titolare del 68% circa del capitale. Secondo l'analista di una casa di investimento, il riferimento a Mps per quanto criptico potrebbe significare che i quattro pilastri del piano di ristrutturazione dell'istituto (focus sulla banca commerciale, modello operativo rinnovato con attenzione all'efficienza, netto miglioramento della gestione del rischio di credito e rafforzamento di capitale e liquidità) potrebbero non incontrare più il supporto di un nuovo governo a guida Lega-M5S.

Da capire, ragionano i broker, se la volontà di ridefinire gli obiettivi - come scritto nella bozza di contratto - possa spingersi al punto da valutare cambiamenti nel management dell'istituto o addirittura nella presenza dello Stato nel capitale.

Nel pomeriggio la possibilità che un eventuale governo Lega-Movimento 5 Stelle «ridefinisca gli obiettivi» di Monte dei Paschi di Siena affossa il titolo della banca a Piazza Affari. Le azioni nel corso della seduta sono entrate in asta di volatilità quando cedevano il 9,45% a 2,904 euro per azione e, quando sono rientrate, sono arrivate a perdere quasi l'11%. Alti i volumi di scambio: sono passati di mano nella seduta 13 milioni di azioni, contro una media giornaliera di 3,489 milioni delle ultime 30 sedute.

Un'eventuale partecipazione di Mps al risiko bancario «fa parte di una valutazione più ampia, che la banca e i suoi azionisti dovranno comunque fare in futuro». Lo ha detto l'amministratore delegato di Mps, Marco Morelli, a margine di un evento organizzato a Milano dalla banca. «La priorità per noi è fare in modo che Mps torni ad avere un ruolo importante nell'economia italiana», ha spiegato.

© Riproduzione riservata