Finanza & Mercati

Fondi, gelata a maggio: raccolta -6,9 miliardi e il patrimonio…

  • Abbonati
  • Accedi
investimenti e risparmio

Fondi, gelata a maggio: raccolta -6,9 miliardi e il patrimonio cala a 2.065 miliardi

Gelata di maggio per l'industria del risparmio gestito. In un mese contraddistinto dall'instabilità dei mercati, a fronte delle incertezze politiche in Italia e della crescente complessità dello scenario internazionale, la raccolta netta è stata negativa per 6,9 miliardi di euro, dopo i già tiepidi +2,9 miliardi di aprile e il patrimonio gestito è calato a 2.065 miliardi da 2.091 miliardi. Come risulta dalla mappa mensile di Assogestioni, i deflussi hanno colpito sia le gestioni collettive (-2,6 mld dopo +2,7 mld), sia, in misura ancora maggiore, le gestioni di portafoglio (-4,3 mld dopo +249 milioni).

Una consistente parte dei movimenti deriva, per altro, da spostamenti infragruppo, come nel caso di Generali e, soprattutto, del Credem e quindi non da effettivi riscatti. Cio' non toglie che la raccolta netta nei primi cinque mesi dell'anno del settore ammonti a 9,9 miliardi, che di fatto equivale al dato del solo mese di gennaio. I fondi aperti a maggio hanno accusato un saldo netto dei flussi pari a -2,4 miliardi, dopo +2,7 miliardi di aprile e il bilancio dei primi cinque mesi del 2018 si ferma a +9 miliardi.

Per i fondi chiusi la raccolta netta è pari a -207 milioni, dopo -15 milioni, per un totale di +585 milioni da inizio anno. Nelle gestioni di portafoglio, le istituzionali chiudono maggio con deflussi netti pari a -3,5 miliardi dopo +448 milioni in aprile, riducendo a +869 milioni il saldo di raccolta di questa parte dell'anno. Segno meno anche per le retail (-872 mln dopo -199 mln) e nei primi cinque mesi il bilancio netto dei flussi e' di -577 milioni.

Tra i fondi aperti i più colpiti dai riscatti sono ancora una volta gli obbligazionari con -3,6 miliardi, che seguono i -862 milioni in aprile, affossando ancor piu' il saldo dei flussi da inizio anno (-9,2 mld). Resistono i bilanciati, con +1 miliardo dopo +1,3 miliardi in aprile e +6,7 miliardi nei cinque mesi. Perdono un po' di smalto i flessibili, finora i preferiti dai risparmiatori, con +392 milioni a maggio dopo +1,63 miliardi ad aprile, a un totale comunque di +11,3 miliardi da inizio anno.

Scivola in territorio negativo la raccolta netta degli azionari (-157 mln dopo +693 mln), portando a +3,4 miliardi il saldo del 2018. Ancora riscatti per i monetari (-55 mln dopo -201 mln), a conferma dell'andamento negativo dell'anno (-3,4 mld finora). Per i fondi di diritto italiano la raccolta netta complessiva di maggio e' di -1,3 miliardi, dopo +573 milioni in aprile, a un totale di +2,2 miliardi da inizio 2018. Per i fondi esteri il mese si e' chiuso a -1,04 miliardi, dopo +2,1 miliardi nel precedente e con +6,8 miliardi da inizio anno.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata