Finanza & Mercati

Milan, ecco come cercherà di ribaltare il verdetto di esclusione dalle…

  • Abbonati
  • Accedi
calcio

Milan, ecco come cercherà di ribaltare il verdetto di esclusione dalle Coppe

Il Milan spera di ribaltare il verdetto di esclusione dalle Coppe al Tas di Losanna. E la delegazione rossonera, capitanata dall'amministratore delegato Marco Fassone e dall'avvocato Roberto Cappelli dello studio Gianni Origoni Grippo Cappelli, sarebbe già pronta con un voluminoso fascicolo a dimostrare la sproporzione del verdetto dell'Uefa di fine giugno, se confrontata ad altri casi di valutazione su club europei, soprattutto alla luce di un investitore solido come Elliott nella compagine azionaria al posto del cinese Yonghong Li. Secondo quanto risulta al Sole 24 Ore, la base di partenza sarà la tesi dell'”equal treatment”, cioè del trattamento uguale per tutti.

Per il Milan c’è stata una sproporzione nella sanzione applicata al club rossonero rispetto alla punizione subita da squadre come Paris Saint Germain, Manchester City e la stessa Inter, sanzionati con il settlement agreement. L’ulteriore argomentazione sarà che ora nella compagine c'è un socio solido e di lungo periodo come Elliott. Nella delegazione milanista, secondo il Sole, dovrebbe essere presente anche un membro di Elliott. Infine dovrebbe, secondo i rumors, essere presente anche un avvocato svizzero: Antonio Rigozzi dello studio Lévy Kaufmann-Kohler di Ginevra, grande esperto di contenzioso sportivi e proprondo conoscitore delle dinamiche dell'Uefa. Nel frattempo si avvicina anche la data dell'assemblea del 21 luglio: quando il fondo Elliott dovrebbe accelerare sugli assestamenti nell'organigramma con la lista dei nuovi consiglieri proposti da Elliott e con la nomina di Paolo Scaroni a presidente del club.

© Riproduzione riservata