Finanza & Mercati

Nordea, Beslik su Facebook: «È una religione. E religione…

  • Abbonati
  • Accedi
finanza responsabile

Nordea, Beslik su Facebook: «È una religione. E religione e business vanno separati»

Sasja Beslik è il responsabile della finanza sostenibile di Nordea, il più grande gruppo finanziario scandinavo con 11 milioni di clienti e 330 miliardi di euro di asset in gestione. Nel marzo scorso, con un tweet, annunciò che Facebook era finita nella black list di Nordea. Una sorta di “quarantena” durata tre mesi e al termine della quale, il 20 giugno scorso, il comitato di investimenti ha deciso di escludere l’azienda di Mark Zuckerberg dai portafogli dei fondi Stars che investono nelle migliori aziende al mondo per rispetto dei parametri di sostenibilità Esg (ambiente, sociale e governance). In quest’intervista esclusiva per Plus24-Sole24Ore, Beslik tra i più stimati esperti al mondo in tema di finanza sostenibilie, dice la sua sulle strategie di Facebook dopo il crollo in Borsa.

Sasja Beslik

Visto quanto è accaduto a Wall Street la scorsa settimana, si è rivelata giusta

la scelta di escludere Facebook dai portafogli degli Stars Fund di Nordea a seguito dello scandalo di Cambridge Analityca?
Assolutamente sì. È stata la scelta giusta da parte di Nordea.

Quanto hanno pesato sul crollo in Borsa di Facebook le nuove regole europee sulla privacy (Gdpr)?
Sui risultati del secondo trimestre di Facebook ha pesato lo scandalo di Cambridge Analityca . Le nuove regole europee Gdpr sulla privacy non hanno avuto un effetto pieno sull’andamento dell’azienda di Zuckerberg. Fra l’altro Facebook sta anche perdendo un po’ di sottoscrittori nell’età compresa fra i 18 e i 55 anni. Infine è arrivato il momento in cui Zuckerberg modifichi la governance visto che è sia presidente, sia amministratore delegato del gruppo.

Facebook ha scoperto di recente e reso noto un tentativo di influenzare le elezioni di medio termine americane di novembre attraverso account e pagine non autentiche. Secondo lei ci sono rischi per la democrazia?
Le rispondo con un esempio. In Italia e Svezia tanti anni fa Stato e religione furono separati. Bene, Facebook è come una religione, la religione dei social media. E il business va separato dalla religione. Oggi nessun analista al mondo le saprà dire quali possono essere i rischi di questa mancanza di separazione. L’azienda di Zuckerberg può avere effetti positivi e negativi sulla società ma ora gli Stati devono dare a Facebook un modello di governo per evitare di perderne il controllo.

Cosa ne pensa dell’Action Plan sulla finanza sostenibile varato di recente dalla Commissione Ue?
È un’ottima notizia, peccato che arrivi con 10 anni di ritardo! Se già dieci anni fa, come veniva suggerito, fosse stato deciso un provvedimento del genere oggi vivremmo in un mondo migliore. A questo punto la Commissione Ue deve rapidamente implementare l’Action Plan e i piani decisi per domani dovranno essere realizzati già oggi.

© Riproduzione riservata