Finanza & Mercati

Petroliferi sotto i riflettori in Borsa, acquisti su Saipem

  • Abbonati
  • Accedi
Oil

Petroliferi sotto i riflettori in Borsa, acquisti su Saipem

Andamento titoli
Vedi altro

Petroliferi sotto i riflettori a Piazza Affari, con il greggio in lieve progresso quando da questa mattina sono scattate le prime sanzioni Usa sull'Iran, in attesa che a novembre prossimo arrivino anche quelle sul comparto energia. A Piazza Affari, gli acquisti premiano ancoraSaipem, oltre a Tenaris ed Eni. Intanto, il contratto consegna Ottobre sul Wti e quello sul Brent di pari scadenza guadagna sono entrambi in rialzo. Dalla mezzanotte di oggi (orario di Washington), sono state di nuovo introdotte sanzioni Usa contro l'Iran, come conseguenza dell'annullamento da parte dell'amministrazione Trump dell'accordo sul nucleare iraniano raggiunto dall'amministrazione del suo predecessore, Barack Obama. Queste prime misure puniscono il settore auto; gli scambi di oro e metalli preziosi ma anche di alluminio, acciaio, carbone e software usati nel comparto industriale; le transazioni del rial e le attività legate all'emissione di debito sovrano; gli acquisti di banconote americane da parte dell'Iran. Da novembre arriveranno le sanzioni relative al settore energetico, compreso il petrolio, anche se la Casa Bianca ha fatto sapere che potranno essere possibili eventuali eccezioni per alcuni Paesi ma che saranno valutate caso per caso. Saipem è in evidenza già da ieri, quando ha chiuso in rialzo del 3%, sostenuta anche dalle parole dell'amministratore delegato, Stefano Cao, in un’intervista ad Affari&Finanza. Il manager ha parlato delle strategie della società, spiegando che in futuro sarà «molto più concentrata sul gas naturale» e non escludendo possibili operazioni di M&A: «Per le attività di drilling siamo in una fase in cui stiamo valutando la migliore collocazione». Cao ha frenato sul «percorso di vendita» parlando di «un’analisi più approfondita per capire la scelta migliore. Potrebbe essere anche la ricerca di un partner, sia finanziario che industriale, al momento non abbiamo preclusioni».

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

© Riproduzione riservata