Food24

Ovada Mon Amour, ricordando il Dolcetto di Mario Soldati

Locandina

Ovada Mon Amour, ricordando il Dolcetto di Mario Soldati

(Fotolia)
(Fotolia)

Torna con la Primavera Ovada Mon Amour, l'evento enogastronomico che invita a scoprire le eccellenze dell'Alto Monferrato, facendo incontrare tradizione e innovazione a tavola e in cantina.
L'iniziativa - promossa dal Consorzio di Tutela dell'Ovada DOCG - propone un percorso per le colline dell'Alto Monferrato Ovadese, modulabile a propria scelta nell'incontro con tra 11 ristoratori e 30 vignaioli alla scoperta del vino gioiello del territorio e della cucina della tradizione monferrina.
Da aprile fino al 21 giugno è dunque possibile degustare e incontrare sapori e paesaggi. Nei ristoranti aderenti al programma Ovada Mon Amour è possibile abbinare i piatti della tradizione all'Ovada DOCG dei produttori appartenenti al Consorzio. E conservando tre collarini delle bottiglie consumate, sarà possibile riceverne una in regalo, da ritirare presso una qualsiasi delle cantine del consorzio.
“La manifestazione si inserisce nel piano di promozione, in Italia e all'estero, delle eccellenze enologiche ed enogastronomiche dell'Ovadese, che da sempre sono il simbolo della nostra cultura”, rimarca Italo Danielli, presidente del Consorzio.
Ovada DOCG, il dolcetto di Mario Soldati
L'Ovada DOCG è un vino rosso prodotto da uve Dolcetto nell'Alto Monferrato Ovadese, zona del sud del Piemonte, alle pendici degli Appennini Liguri, sulla base di un disciplinare di particolare rigore.
L'uva Dolcetto - dal termine dialettale 'dusset' che significa dosso o collina - caratterizza da sempre i vigneti della zona, al punto da essere stata anche definita dai naturalisti Uva Ovadensis.
L'Ovada DOCG manifesta caratteristiche diverse dagli altri Dolcetto. Riprendendo le parole di Mario Soldati, lo si distingue da maggior profumo, maggiore gradazione, maggiore densità e una maggiore possibilità di invecchiamento.
Le caratteristiche dei terreni e del microclima dell'area, interpretate dall'esperienza dei vignaioli, esaltano le connotazioni migliori delle uve permettendo di ottenere vini di maggior struttura e longevità rispetto ai dolcetti di altre zone. www.ovada.eu

© Riproduzione riservata