Food24

Best Italian Wine Awards 2017: al primo posto Tenuta Sette Ponti di Antonio…

Vino

Best Italian Wine Awards 2017: al primo posto Tenuta Sette Ponti di Antonio Moretti con l'Oreno 2015

Alcune indiscrezioni ci consentono di anticipare i vini premiati: ha vinto Oreno, e possiamo ben dire meritatamente, perchè era già salito sul podio nel 2013 (terzo posto) e nel 2014 (secondo). Moretti è un imprenditore della moda che ormai da parecchi anni ha molto investito nel vino, infatti oltre a Tenuta Sette Ponti, situata a Castiglion Fibocchi, in Valdarno, negli anni ha acquistato Orma a Bolgheri e Poggio al Lupo in Maremma. Due proprietà importanti anche in Sicilia, con Feudo Maccari a Noto, provincia di Siracusa, e Contrada Santo Spirito sull'Etna. Orma, il vino di Bolgheri, è stato particolarmente apprezzato da Papa Francesco sulla rotta Roma-Bogotà.

Secondo posto per il Terlaner Rarity 1991 della Cantina di Terlano, da me ampiamente raccontato lo scorso 31 gennaio: Terlaner Rarity, nel bicchiere dopo un quarto di secolo di affinamento sui lieviti

Completa il podio uno dei più straordinari metodi classici italiani: Giulio Ferrari Riserva del Fondatore Trentodoc 2006, di Ferrari F.lli Lunelli.

Una citazione per il vino sesto classificato, Valtellina Superiore Rocce Rosse Sassella Riserva 2007 di AR.PE.PE., tra i protagonisti del mio articolo di questa settimana nella rubrica Andar per Vini.

Prima di passare alla classifica, vediamo chi e come l'ha realizzata.
Undici giurati hanno degustato alla cieca e votato oltre 350 etichette provenienti da tutta Italia. La giuria era formata da Luciano Ferraro, il Doctor Wine Daniele Cernilli, Antonio Paolini, Pier Bergonzi, Marco Tonelli, Luca Gardini e Andrea Grignaffini per la parte italiana. Quattro i giurati provenienti dall'estero: Kenichi Ohashi (Giappone), l'unico Master of Wine giapponese, Sake Expert Assessor e Master Of Sake, Amaya Cervera (Spagna), fondatrice del sito spanishwinelover.com e wine journalist con un'esperienza di oltre 15 anni, Tim Atkin (Inghilterra), una delle penne del vino più apprezzate al mondo e Master of Wine con oltre 25 anni di esperienza e Christy Canterbury (Stati Uniti), giornalista, giudice, formatrice e Master of Wine.

Nel 2016 la classifica è stata inserita da Wine-Searcher, il più grande database e motore di ricerca dedicato al vino, fra i premi e i concorsi di maggior rilievo.

Ecco la classifica:

01 Oreno 2015 – Tenuta Sette Ponti – Toscana
02 Terlaner Rarity 1991 – Cantina Terlano – Alto Adige
03 Giulio Ferrari Riserva del Fondatore Trentodoc 2006 – Ferrari F.lli Lunelli – Trentino
04 Barolo Ravera 2013 – Elvio Cogno – Piemonte
05 Brunello di Montalcino Tenuta Nuova 2012 – Casanova di Neri – Toscana
06 Valtellina Superiore Rocce Rosse Sassella Riserva 2007 – AR.PE.PE. – Lombardia
07 Bolgheri Sassicaia 2014 – Tenuta San Guido – Toscana
08 Gewürztraminer Epokale Spätlese 2009 – Tramin – Alto Adige
09 Trebbiano d'Abruzzo 2013 – Valentini – Abruzzo
10 Barolo Monprivato 2012 – Giuseppe Mascarello e figlio – Piemonte
11 Brunello di Montalcino Poggio di Sotto Riserva 2011 – Poggio di Sotto- Toscana
12 Furore Bianco Fiorduva 2015 – Cantine Marisa Cuomo – Campania
13 Vin Santo di Vigoleno 2007 – Alberto Lusignani – Emilia Romagna
14 Vecchio Samperi – Marco de Bartoli – Sicilia
15 Brunello di Montalcino Pianrosso 2012 – Ciacci Piccolomini d'Aragona – Toscana
16 Brunello di Montalcino 2012 – Biondi Santi – Toscana
17 Il Caberlot 2014 – Podere il Carnasciale – Toscana
18 Vernaccia di Oristano Riserva 1991 – Azienda Vinicola Attilio Contini – Sardegna
19 Barolo Monvigliero 2013 – Comm. G.B. Burlotto – Piemonte
20 Barolo Ciabot Tanasio 2013 – Francesco Sobrero – Piemonte
21 Barolo Parussi 2013 – Massolino Vigna Rionda – Piemonte
22 Taurasi Riserva Vigna Quintodecimo 2012 – Quintodecimo – Campania
23 Barolo Margheria 2013 – Azelia – Piemonte
24 Mossone 2015 – Santa Barbara – Marche
25 Brunello di Montalcino Riserva 2011 – Le Potazzine – Toscana
26 Morellino di Scansano Riserva Calestaia 2011 – Roccapesta – Toscana
27 Gattinara Pietro 2013 – Paride Iaretti – Piemonte
28 Montevetrano 2015 – Montevetrano – Campania
29 Nathan 2014 – Ermes Pavese – Valle d'Aosta
30 Barolo Parafada 2013 – Palladino – Piemonte
31 Barbaresco Rabajà 2014 – Giuseppe Cortese – Piemonte
32 Barolo Bricco delle Viole 2013 – Mario Marengo – Piemonte
33 Barolo Gramolere 2013 – Fratelli Alessandria – Piemonte
34 Brunello di Montalcino 2012 – Col d'Orcia – Toscana
35 Arcurìa Etna Rosso 2014 – Graci – Sicilia
36 Barolo Vigna Rionda Ester Canale 2013 – Giovanni Rosso – Piemonte
37 Faro 2012 – Azienda Agricola Palari – Sicilia
38 Barbaresco Pora 2014 – Musso – Piemonte
39 Romagna Sangiovese Riserva Vigna1922 2013 – Torre San Martino – Emilia Romagna
40 San Leonardo 2011 – Tenuta San Leonardo – Trentino
41 Turriga 2013 – Argiolas – Sardegna
42 Amarone della Valpolicella Ca' del Lupo 2013 – Azienda Agricola Rizzi Luigino e Claudio – Veneto
43 Franciacorta Cabochon Brut 2012 – Monte Rossa – Lombardia
44 Private Cuvée Andreas Huber 2015 – Pacher Hof – Alto Adige
45 Amarone della Valpolicella Classico Riserva La Mattonara 2006 – Zýme – Veneto
46 Franciacorta Berlucchi Palazzo Lana Riserva Satèn 2008 – Guido Berlucchi – Lombardia
47 Malvasia 2015 – Skerk – Friuli Venezia Giulia
48 Castelli di Jesi Verdicchio Classico Riserva San Paolo 2015 – Pievalta – Marche
49 Vintage Tunina 2015 – Jermann – Friuli Venezia Giulia
50 Kamen Pietra 2015 – Azienda Agricola Zidarich – Friuli Venezia Giulia

© Riproduzione riservata