Food24

Fuoco! Food Festival, sfida aperta agli chef: sui monti Iblei…

Locandina

Fuoco! Food Festival, sfida aperta agli chef: sui monti Iblei cucineranno a fuoco vivo (vietati fornelli e tecniche moderne)

Una bella sfida per i cuochi contemporanei quella proposta da Fuoco! Food Festival, la cui seconda edizione si svolgerà il 30 settembre – ma ci sono interessanti attività in programma anche per la domenica – nel territorio dei Monti Iblei. In quel giorno a Buccheri si potrà cucinare unicamente con tecniche primordiali ma 30 cuochi provenienti dalla Sicilia e dal resto d’Italia, hanno ceduto al richiamo del Bosco della Contessa dove si ritroveranno a usare il fuoco. Niente fornelli, niente attrezzature moderne, niente sottovuoto ma solo materiali, metodi e trucchi che si utilizzano in campagna dalla notte dei tempi, ingegnandosi con i mezzi a disposizione per trasformare anche i prodotti più semplici in un buon pasto. Dunque via libera a braci, griglie, pietre vulcaniche, tegole, anfore, cotture sotto terra, per tornare tutti insieme intorno al fuoco a condividere assaggi e idee. Riscoprendo la bontà genuina dei prodotti italiani e locali (non per forza quelli più blasonati) come riprendendo abitudini e tecniche che rispettano non solo la tradizione, ma anche l’ambiente.

Trenta chef stellati

La rassegna gastronomica organizzata dall’associazione SiciliAmore, punta a far incontrare cucina e agricoltura e a promuovere un territorio ricco di tradizioni contadine e di prodotti squisiti. Oltre a Buccheri la manifestazione coinvolge infatti altri due comuni di montagna del Siracusano, Palazzolo Acreide e Sortino, accomunati da belle testimonianze dell’architettura barocca e da un’agricoltura di qualità. Sarà appunto il territorio di Buccheri a ospitare la giornata del sabato, in cui 30 tra chef stellati e pizzaioli famosi, osti di paese e di città, giovani sperimentatori culinari, allevatori-cuochi e grandi pasticceri lavoreranno al fianco di altrettanti piccoli produttori degli Iblei e di 10 cantine da tutta la Sicilia. Tra loro, solo per citare qualche nome, il cuoco siciliano Tony Lo Coco e il milanese (con radici trentine) Cesare Battisti, il pizzaiolo casertano Franco Pepe e il veneto Renato Bosco, il pasticcere e panificatore lombardo Jean Marc Vezzoli e il lucano Vincenzo Tiri, ma anche la giovane ricercatrice e forager Valeria Mosca e la cuoca siciliana Bonetta Dall’Oglio, ambasciatrice della biodiversità e della tradizione isolane

Oltre alle loro proposte, la giornata – aperta anche alla partecipazione di 100 appassionati, tramite l’acquisto online di un biglietto in vendita a 50 euro il cui ricavato servirà a creare un fondo per l’organizzazione di corsi sulla filiera agro-alimentare rivolti ai giovani del territorio – prevede anche laboratori sulle erbe selvatiche, l’affumicatura della carne da pascolo, le cotture tradizionali del tonno, il miele, i toscanelli, il controllo del fuoco, le moderne tecniche di estrazione del caffè. Altri laboratori dedicati al miele sono in programma a Sortino, (sabato e domenica dalle 17 alle 20)  in occasione della Festa del Miele, con interessanti assaggi tra cui un piatto sperimentale a base di cera commestibile e cioccolato di Modica. L’elenco completo dei cuochi di Fuoco!, oltre a tutte le informazioni utili e i biglietti su www.fuocofoodfestival.it

© Riproduzione riservata