Food24

Nuovo ristorante Frescobaldi: dopo Londra la famiglia del vino apre a…

Luoghi

Nuovo ristorante Frescobaldi: dopo Londra la famiglia del vino apre a Firenze

L’albero di famiglia Frescobaldi che varrà riprodotto nel privé del nuovo ristorante su una parete di oltre sei metri
L’albero di famiglia Frescobaldi che varrà riprodotto nel privé del nuovo ristorante su una parete di oltre sei metri

Frescobaldi si siede a tavola nel salotto di Piazza della Signoria. Aprirà il 21 novembre 2017, nella cornice di Piazza della Signoria, il nuovo Ristorante Frescobaldi Firenze. Il secondo di un progetto di dieci locali da aprire nelle principali città del mondo.
Il ristorante fiorentino, dopo quello di Londra inaugurato nel 2014, è il secondo aperto dalla società Lilium, una joint venture paritaria tra la famiglia toscana Frescobaldi e la Good Food Society, big della ristorazione di alta qualità. I rappresentanti della società sono, da un lato, Diana Frescobaldi, e, dall'altro, Levent Buyukugur e Sanjay Nandi.

Ricette storiche della famiglia
Il Ristorante Frescobaldi Firenze sarà guidato dallo chef Roberto Reatini (si trasferisce dal ristorante di Londra) che proporrà una cucina toscana con un tocco di contemporaneità. Il menù è caratterizzato da carne e pesce, pasta e pane fatti in casa, ricette storiche della famiglia rivisitate, con una forte attenzione alla tradizione toscana, alle materie prime e alla valorizzazione dei prodotti stagionali e del territorio. Il tutto abbinato a una carta dei vini che annovera etichette delle Tenute Frescobaldi e una selezione di quelle provenienti dalle migliori cantine italiane. Il ristorante sarà aperto 7 giorni su 7, dalle 12 alle 23 e sarà possibile pranzare con un menù pensato ad hoc anche nelle ore pomeridiane.

Lavori in corso
Nel ristorante fervono i lavori: in questi giorni si sta allestendo il parquet. A operazioni concluse avrà 130 posti a sedere tra un'ampia sala interna, un privè al secondo piano per cene più riservate, una zona bar e un dehor. Un locale chic e di lusso, con ambienti retrò, caldi e accoglienti, progettati dal noto studio spagnolo di interior decoration Lazaro Design.
“L'apertura del Ristorante Frescobaldi Firenze risponde ad una precisa scelta strategica dell'azienda – sottolinea Diana Frescobaldi, responsabile dei progetti di ristorazione della famiglia – e conferma l‘impegno a favore del connubio tra alta cucina e vini di qualità. Con questo progetto, realizzato in società con Good Food Society, gli stessi soci con cui abbiamo aperto nel 2014 il Ristorante Frescobaldi London, vogliamo offrire ai fiorentini e ai turisti una ristorazione di alto profilo portando il marchio Frescobaldi in luoghi di grande prestigio e visibilità”.

Oltre il vino
Il progetto ristorazione rientra nella strategia di diversificazione della società fiorentina, compresa l'ospitalità: nel 1999 venne aperto il primo wine bar all'interno dell'aeroporto di Fiumicino. Un format di successo che si è ripetuto negli anni con l'apertura nel 2002 e nel 2008 di altri due corner Frescobaldi alle partenze internazionali e intercontinentali. Un progetto tra i primi in Italia “che ha contribuito per oltre un decennio a diffondere la cultura del vino e il piacere della buona tavola” sostiene Diana Frescobaldi.
L'esperienza romana porta la famiglia, il 2 maggio del 2002, ad aprire, questa volta a Firenze, il primo Ristorante chiamato Dei Frescobaldi in via Dei Magazzini che ora cede il passo a quello di Piazza della Signoria. Il 2009 è l'anno dello sbarco oltre Manica e l'approda da Harrods, il tempio della gastronomia e dello shopping londinese con un wine bar. Ultimo step, quello dell'apertura, appunto, con la società Lilium, del ristorante Frescobaldi London in Myfair, uno dei quartieri più chic della città.
“I wine bar non li abbiamo più – spiega Diana Frescobaldi – ma abbiamo segnato una strada e, soprattutto, è stata una scuola”. Insomma un bilancio con qualche contrattempo quello delle diversificazioni dal vino ma che ora dispone di un progetto più strutturato e ambizioso. “Il ristorante di Londra va bene – sostiene l'imprenditrice – fattura 2,5 milioni di euro. Stiamo pensando alle prossime aperture: non in Francia, ma in Europa. In lista c'è anche la Germania”. Ogni apertura sarà preceduta dalla ricerca di un partner locale di minoranza.

Le tenute
Il gruppo Marchesi Frescobaldi comprende la controllata Frescobaldi che gestisce sei tenute agricole con le loro produzioni (Castello Pomino, Castello Nipozzano, Tenuta Castiglioni, Tenuta CastelGiocondo, Tenuta Ammiraglia e Remole), la tenuta di Attems (Collio), l'unica ad essere esterna alla Toscana, la società Dei Frescobaldi R&R che si occupa di ristorazione. Tramite la sub-holding Tenute di Toscana, controlla Ornellaia e Masseto, Castelgiocondo e Luce della vite e Tenute di Toscana Distribuzione. La Holdging Compagnia de' Frescobaldi ha registrato nel 2016 un fatturato di 107 milioni di euro (il 65% realizzato all'estero) e un utile netto di 23 milioni.

© Riproduzione riservata