Food24

Milano Golosa 2017: pane, amore e trattoria

Locandina

Milano Golosa 2017: pane, amore e trattoria

La cucina concreta delle “Premiate Trattorie Italiane” e la nuova area “PaniniAmo” con laboratori, lezioni e assaggio dei panini delle migliori paninoteche italiane sono il segno dell'evoluzione di Milano Golosa, che torna nel capoluogo lombardo dal 14 al 16 ottobre, a Palazzo del Ghiaccio, con la sesta edizione.

Sono quasi 200 gli espositori artigiani presenti a Milano Golosa 2017 per proporre un tour enogastronomico della penisola alla ricerca di materie prime di qualità. Numerosi anche gli eventi nel programma di Fuori Milano Golosa, con il coinvolgimento di ristoranti ed enoteche del centro.

Trattorie mon amour
Da sempre appassionato dei piatti sobri e popolari delle trattorie, il Gastronauta Davide Paolini ha voluto infatti coinvolgere l'associazione per rendere omaggio a questo suo amore. A Milano Golosa 2017 ogni giorno, nella nuova area show cooking San Benedetto, i visitatori potranno assaggiare e conoscere i piatti della tradizione nelle ricette preparate e raccontate dagli osti delle trattorie. Dalla cassoeula di Paolo Reina al Pancotto con cime di rapa e olive dolci di Pietro Zito.

«La collaborazione con le Premiate Trattorie Italiane - spiega Paolini - è un omaggio alla tradizione e al territorio. Durante Milano Golosa verranno proposte ricette che sono state tramandate di generazione in generazione e che rappresentano qualcosa in più del semplice mangiare bene. Sono piatti che comunicano una zona, vendono un territorio e realizzano un progetto di salvaguardia di antiche tradizioni e prodotti della terra. Sullo sfondo c'è sempre la cucina italiana, ma con tutte le sue sfaccettature e campanilismi. La varietà delle ricette presentate darà un assaggio del complesso panorama gastronomico italiano, ricco di cibi e di storia. Un panorama variegato di cucine unite dalla voglia di perseguire un fine comune: salvare la tradizione, innovandola e proiettandola nel futuro».

Premiate Trattorie Italiane dal 2012 riunisce dieci trattorie storiche italiane legate tra loro dalla stessa idea di cucina legata all'ospitalità e alle cose buone. Durante i tre giorni di manifestazione presenteranno una ricetta apprezzata e premiata da guide e dai clienti. Si comincia sabato 14 ottobre con i casoncelli della nonna Ida a cura di Fiorella Visconti della Trattoria Visconti di Ambivere (BG), la cassoeula di Paolo Reina dell'Antica Trattoria del Gallo di Gaggiano (MI) e lo strudel di mele di Boivin di Levico Terme (TN). Domenica 15 ottobre si presentano la sagn ca' m'ddic (lasagnetta con mollica e peperone crusco) de La Locandiera di Bernalda (MT), il pancotto con cime di rapa e olive dolci di Pietro Zito di Antichi Sapori di Andria (BT) e i marubini asciutti con ragù di verdure e fonduta di provolone DOP del Caffè La Crepa di Isola Dovarese (CR). Lunedì 16 ottobre infine ecco la zuppa imperiale in doppio brodo reale di Da Amerigo 1934 di Savigno (BO), i funghi di bosco gratinati, con verdure di campo, ricotta fresca e caciocavallo affumicato di Giuseppe Carollo dell'Hostaria Nangalarruni di Castelbuono (PA) e gli gnocchetti di castagna al pesto di mortaio, prescinseua e verdure de La Brinca di Ne' (GE).

Panini gourmet e creativi
Panini creativi, vegetariani e vegani, con approfondimenti sulla scelta dei migliori ingredienti e sul di food design. Ecco “PaniniAmo”, ch ospita le dieci migliori paninoteche d'Italia - selezionate dalla Fondazione Accademia del Panino Italiano - con le loro specialità in assaggio: dal Décolleté (speck, primo sale, crema di pere caramellate) allo Straziami ma di baci saziami (fiocco cotto al miele, dressing allo yogurt e zafferano, cipolle rosse caramellate all'aceto balsamico, julienne di cavolo viola), dal Panino al Gamberone (gamberone al ghiaccio, mozzarella, prosciutto crudo, crema allo scalogno, arachide salata) all'Undici (crudo di Parma 24 mesi, Brie, marmellata di fichi), con molti altri inventati utilizzando specialità regionali Dop e Igp.

In programma anche laboratori dedicati al panino come “Hai detto Panino?” Con lo chef Giovanni Rota, “Panini Creativi, Vegetariani e Vegani: il Panino si apre a nuovi mondi” con Alessandro Frassica dell'Advisory Board dell'Accademia del Panino Italiano, “Come far sorridere un Panino” con la food stylist Beatrice Prada, “Ogni Panino ha una storia da raccontare” con il gastronomo Alberto Capatti, “Pane + ingredienti + pane: il design essenziale del Panino” con il food designer Paolo Barichella.

© Riproduzione riservata