Food24

Un libro e un vino per festeggiare i 90 anni di Marco Felluga

Storie di eccellenza

Un libro e un vino per festeggiare i 90 anni di Marco Felluga

L’annuncio è stato dato da Roberto Felluga nel momento del brindisi per i 90 anni del padre Marco. A lui, patriarca dell’enologia friulana e vignaiolo capace di intuizioni brillanti, sarà dedicato il nuovissimo Collio Bianco Gran Selezione 50/90. Presentato in anteprima in occasione della festa di compleanno che si è tenuta nella cantina di casa Felluga a Capriva del Friuli, il nuovo vino vanta un'etichetta che racchiude - per la prima volta insieme - i marchi e l’esperienza delle aziende Marco Felluga e Russiz Superiore. Il mercato però dovrà attendere ancora un anno, dal momento che la DOCG Collio entrerà in vigore con la vendemmia 2018.

Una storia di intuizioni

Accanto alla dedica destinata al bicchiere, è stato presentato anche un libro scritto da Walter Filiputti con le immagini di Tiziano Scaffai. "50/90" racconta la storia di Marco Felluga, 90 anni orgogliosamente portati, intrecciata con quella del Collio - che ha contribuito a valorizzare con una vita imprenditoriale tutta dedicata al vino - e i 50 anni che tutta la famiglia ha percorso e dedicato a Russiz Superiore.

Tra le pagine appare un Felluga vignaiolo del Collio goriziano e personaggio di spicco del mondo enologico nazionale, tra i primi a comprendere cosa serviva affinché le colline eoceniche del Nord Est straordinariamente vocate alla viticoltura, diventassero “il” Collio, zona d’elezione da dove è partito il nuovo stile dei vini bianchi. Un uomo pragmatico, molto esigente sul lavoro, munito di una grande intelligenza e sorretto da un intuito fuori del comune e da una vasta cultura. “Questo percorso della Marco Felluga e Russiz Superiore si è nutrito dell’arte e dello stile italiano, che non è solo moda e design, ma una maniera di vivere dove entrano in gioco componenti come il concetto di bellezza, il cibo e la cucina", scrive Walter Filiputti nella prefazione del volume.

Una vocazione per il vino coltivata da generazioni

Passione, esperienza e una buona dose di lungimiranza descrivono il rapporto tra il mondo del vino e la famiglia Felluga. Un rapporto cominciato oltre cent’anni fa, in Istria, la terra d’origine di questa dinastia di viticoltori. Giovanni Felluga inizia a produrre vino a metà del 1800, ma è il figlio Marco che imprime un’accelerazione alla produzione vitivinicola, passando poi l'attività in seguito al figlio Giovanni, trasferitosi a Grado dopo la Grande Guerra. 

Nel Collio la famiglia scopre una terra speciale. Il clima è mite, grazie alla vicinanza dell'Adriatico e alla protezione delle Prealpi Giulie, con primavera delicate ed estati calde con notti fresche, e i terreni arenari e marnosi sono l’habitat ideale per i vigneti e la coltivazione delle uve del Collio - una delle prime zone in Italia ad ottenere il riconoscimento DOC.

Marco Felluga, classe 1927, continua l’attività di famiglia e fonda nel 1956 l’azienda che porta il suo nome. A lui, formatosi fin da giovane alla prestigiosa scuola di enologia di Conegliano, si deve il percorso sulla strada dell’innovazione, della qualità e della ricerca. Oggi a proseguire sulla strada tracciata è il figlio Roberto, che rappresenta la quinta generazione e che oggi guida le due aziende prestigiose che hanno sede nel Collio Goriziano: Marco Felluga a Gradisca d’Isonzo e Russiz Superiore a Capriva del Friuli.

© Riproduzione riservata