Food24

Birra e cucina contemporanea: parte il tour europeo delle…

Locandina

Birra e cucina contemporanea: parte il tour europeo delle “Bizzarre” di Birra del Borgo

  • –di

Tutto è iniziato l'anno scorso, sull'onda del connubio sempre più virtuoso tra birra e alta cucina. Birra del Borgo aveva organizzato una serie di incontri, coinvolgendo chef e ristoratori pronti a raccogliere la sfida. Quest'anno “Chef Bizzarri” parte per l'Europa alla ricerca di abbinamenti “imperfetti” indossando una veste, più metropolitana, con lo stesso obiettivo della passata edizione: diffondere un'idea di birra che trovi nella relazione con la cucina una chiave di lettura all'avanguardia, nuova. La buona birra (italiana) dove non è mai arrivata, in luoghi e ristoranti pronti a valorizzarla. Le protagoniste saranno sempre le dodici birre “BIZZARRE”, una per ogni mese dell'anno, che fanno convivere gusti e profumi inediti. Sono prodotte in tiratura limitata utilizzando ingredienti e lavorazioni speciali. Il filo conduttore tra le produzioni è la creatività, si spazia dalle ostriche alla frutta, dalle anfore alle spezie, dai luppoli alle botti.

Chef Bizzarri aprirà i battenti giovedì 23 novembre a Roma, presso “L'Osteria di Birra del Borgo” di via Silla, in compagnia dello chef Salvatore Tassa, dalle Colline ciociare di Acuto, e Gabriele Bonci, che la cucina di Osteria la dirige. Dopo Roma si va all'estero: Parigi, Londra e Bruxelles.

A Parigi, sabato 25 novembre, le bizzarre di Birra del Borgo soggiorneranno da “Fulgurance”. Qui Sophie Cornibert e Hugo Hivernat sono riusciti a creare L'Adresse, un luogo in cui la cucina è mutevole, affidata a un costante succedersi di mani (le brigate di cucina e di sala sono fisse mentre lo chef in carica cambia ogni 6 mesi) ma l'identità è chiaramente percepibile. Fino a dicembre il temporary chef sarà Sebastian Myers, giovane australiano.

Mercoledì 29 novembre il progetto sbarcherà a Londra, da “CUB”, che nella sua casa su Hoxton Street cerca di avvicinare le persone appagando il gusto ma anche la mente. Qui il barman è Ryan Chetiyawardana, conosciuto come Mr Lyan, quello che ha aperto White Lyan alla fine del 2013 creando uno dei cocktail menu più innovativi del mondo. Lo chef è Doug McMaster, fondatore a Brighton nel 2014 di Silo, il primo ristorante britannico a rifiuti zero. CUB è un locale piccolo, lussuoso ma moderno, perfetta sintesi dell'esperienza culinaria “sostenibile” fatta di collaborazioni tra ingredienti e persone.

Mercoledì 10 gennaio 2018, penultima tappa del progetto, Birra del Borgo si racconterà in quel di Bruxelles, presso il ristorante “Humphrey”. Il proprietario, Glen Ramaekers, alle spalle una carriera come importatore di vini e liquori di qualità, lo ha aperto nel 2015 nel cuore della città belga. Lo chef Yannick Van Aeken ha portato nella cucina di Humphrey quello che ha appreso come sous chef del famoso ristorante Noma di Copenaghen per creare qualcosa di completamente diverso: piatti ispirati alla cucina filippina tutti da condividere preparati con prodotti che Yannick trova in Belgio ma anche con ingredienti provenienti direttamente dalle Filippine.

L'evento di chiusura, mercoledì 24 gennaio 2018, sarà a Milano, alla trattoria “Trippa” dove opera il giovane talentuoso Diego Rossi.

© Riproduzione riservata