Food24

Archiviata l'asta del tartufo Alba pensa già al gemellaggio con le…

  • Abbonati
  • Accedi
Ristoranti

Archiviata l'asta del tartufo Alba pensa già al gemellaggio con le bollicine di Epernay

(Olycom)
(Olycom)

Il tartufo cresce a Oriente. Hong Kong e Dubai si sono rivelate piazze della gastronomia di lusso particolarmente interessate all'oro bianco delle colline di Alba, in Piemonte. L'asta mondiale che si è svolta nel Castello di Grinzane Cavour ed in contemporanea a Dubai e Hong Kong ha totalizzato 370mila euro nel complesso tra splendidi esemplari del fungo ipogeo più famoso del mondo e grandi formati di vini del territorio, Barolo e Barbaresco offerti in asta in abbinata (il ricavato andrà a Dubai, alla Al Jalila Foundation, a Hong Kong alla Mother's Choice, in Piemonte al nuovo ospedale Alba-Bra).

Il lotto più importante è stato così assegnato al finanziere e immobiliarista di Hong Kong, Eugene Fung, che per 850 grammi ha messo sul piatto 75mila euro. Un buon risultato nonostante una stagione difficile per il tartufo – ha commentato Tomaso Zanoletti, presidente dell'Enoteca regionale del Piemonte – le quotazioni sono ai massimi a causa della siccità, ma la stagione andrà avanti e la qualità è comunque ottima.

L'asta – sostenuta anche da Fondazione Cassa risparmio Cuneo, regione Piemonte e Consorzio tutela Barolo, Barbaresco e Dogliani – ha visto per la prima volta il collegamento in diretta con Dubai, dove i tartufi italiani sono protagonisti nei ristoranti di lusso; un nuovo mercato insieme a Hong Kong dove la presenza dell'oro bianco d'Alba è consolidata. Ambasciatore del tartufo è stato nominato lo chef Antonino Cannavacciuolo che d'ora in avanti srà tra i protagonisti delle campagne di promozione.

Nel frattempo va avanti fino al mese la Fiera internazionale del tartufo di Alba che ha visto affari per oltre 500mila euro e quotato almeno 6/7mila euro al chilogrammo i tartufi. Importante quest'anno il gemellaggio eno-gastronomico con Parma sotto l'egida dell'Unesco tra la città emiliana e Alba. Prossima tappa Epernay, per consolidare il legame dell'eno-gastronomia italiana di fascia alta con lo champagne.

© Riproduzione riservata