Food24

Archiviata l'asta del tartufo Alba pensa già al gemellaggio con le…

Luoghi

Archiviata l'asta del tartufo Alba pensa già al gemellaggio con le bollicine di Epernay

(Olycom)
(Olycom)

Il tartufo cresce a Oriente. Hong Kong e Dubai si sono rivelate piazze della gastronomia di lusso particolarmente interessate all'oro bianco delle colline di Alba, in Piemonte. L'asta mondiale che si è svolta nel Castello di Grinzane Cavour ed in contemporanea a Dubai e Hong Kong ha totalizzato 370mila euro nel complesso tra splendidi esemplari del fungo ipogeo più famoso del mondo e grandi formati di vini del territorio, Barolo e Barbaresco offerti in asta in abbinata (il ricavato andrà a Dubai, alla Al Jalila Foundation, a Hong Kong alla Mother's Choice, in Piemonte al nuovo ospedale Alba-Bra).

Il lotto più importante è stato così assegnato al finanziere e immobiliarista di Hong Kong, Eugene Fung, che per 850 grammi ha messo sul piatto 75mila euro. Un buon risultato nonostante una stagione difficile per il tartufo – ha commentato Tomaso Zanoletti, presidente dell'Enoteca regionale del Piemonte – le quotazioni sono ai massimi a causa della siccità, ma la stagione andrà avanti e la qualità è comunque ottima.

L'asta – sostenuta anche da Fondazione Cassa risparmio Cuneo, regione Piemonte e Consorzio tutela Barolo, Barbaresco e Dogliani – ha visto per la prima volta il collegamento in diretta con Dubai, dove i tartufi italiani sono protagonisti nei ristoranti di lusso; un nuovo mercato insieme a Hong Kong dove la presenza dell'oro bianco d'Alba è consolidata. Ambasciatore del tartufo è stato nominato lo chef Antonino Cannavacciuolo che d'ora in avanti srà tra i protagonisti delle campagne di promozione.

Nel frattempo va avanti fino al mese la Fiera internazionale del tartufo di Alba che ha visto affari per oltre 500mila euro e quotato almeno 6/7mila euro al chilogrammo i tartufi. Importante quest'anno il gemellaggio eno-gastronomico con Parma sotto l'egida dell'Unesco tra la città emiliana e Alba. Prossima tappa Epernay, per consolidare il legame dell'eno-gastronomia italiana di fascia alta con lo champagne.

© Riproduzione riservata