Food24

Anteprima Amarone 50°: quali sorprese dall'annus horribilis…

Locandina

Anteprima Amarone 50°: quali sorprese dall'annus horribilis 2014?

Anteprima Amarone è l'evento a cadenza annuale organizzato e promosso dal Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella per proporre ufficialmente a stampa, operatori ed appassionati l'annata di Amarone che entra in commercio. L'Anteprima si terrà come sempre a Verona, al Palazzo della Gran Guardia, con la partecipazione, ad oggi , di 71 aziende. L'appuntamento è dal 3 al 5 febbraio, con la prima giornata, il 3, chiusa al pubblico e dedicata a stampa e media, la seconda, il 4, aperta al pubblico e la terza, il 5 febbraio, riservata agli operatori di settore. Qui le informazioni.
Questa anteprima si annuncia secondo me particolarmente interessante per due motivi: è il primo degli eventi del 2018, l'anno in cui si festeggia il 50esimo della DOC Valpolicella, ma soprattutto per quello che fu climaticamente l'annata 2014, che molti definirono ''...un'annata da dimenticare in fretta''. Il mio amico e collega Gianpaolo Giacobbo così riassumeva l'annata in Veneto il 2 settembre 2014: '' ....Mancano pochi giorni alla vendemmia, qualcuno ha già iniziato a raccogliere, altri non lo faranno mai. Piovosità molto al di sopra dei livelli medi, temperature molto al di sotto, grandinate e come se non bastasse poche ore luce a disposizione della pianta. E' evidente che, in queste condizioni, sarà ben difficile pensare alla qualità del vino.''
Più di un'azienda della Valpolicella annunciava a settembre di quell'anno che non avrebbe prodotto Amarone o che non avrebbe prodotto le etichette top di gamma, lo stesso Consorzio di Tutela dei Vini Valpolicella decise di portare dal 50% al 35% la quota massima di uva da destinare all'appassimento per la produzione dell'Amarone della Valpolicella e del Recioto.
Dopo tre anni è arrivato finalmente il momento di capire se avessero più ragione gli ottimisti o i pessimisti, e come sempre il miglior giudice sarà il bicchiere! Quello che io ricordo sono gli straordinari Valpolicella base 2014, forse perché parte delle uve dei vigneti migliori, solitamente usate per l'amarone, sono state invece utilizzate per i vini base.
Anteprima Amarone 50° sarà anticipato venerdì febbraio dal Sustainable Winegrowing Summit, confronto internazionale sui modelli di sostenibilità economica e territoriale dell'industria vitivinicola. Si terrà presso il Centro Congressi Camera di commercio. Il Summit internazionale sarà incentrato sulla sostenibilità e mirerà a favorire l'interscambio di informazioni, esperienze e know-how sui modelli economici e sostenibili a basso impatto ambientale nell'industria vitivinicola, tra gli esperti del settore. Due le sessioni nelle quali interverranno speakers provenienti da tutto il mondo: la prima dedicata allo State of the Art dei programmi di viticoltura sostenibile nelle diverse aree; la seconda incentrata su tematiche più strettamente economiche.
Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella
Nato nel 1924 è una realtà associativa che comprende viticoltori, vinificatori e imbottigliatori della zona di produzione dei vini della Valpolicella, un territorio che include 19 comuni della provincia di Verona.
L'area di produzione è molto ampia ed è riconducibile a tre zone distinte:
la zona Classica, (Sant'Ambrogio di Valpolicella, San Pietro in Cariano, Fumane, Marano e Negrar);
la zona Valpantena, comprendente l'omonima valle;
la zona DOC Valpolicella, con Verona, Illasi, Tramigna e Mezzane.
Le varietà autoctone che danno vita ai vini delle denominazioni vini Valpolicella sono: Corvina, Corvinone, Rondinella e Molinara. I vini della denominazione sono il Valpolicella doc, il Valpolicella Ripasso doc, l'Amarone della Valpolicella e il Recioto della Valpolicella entrambi docg.

© Riproduzione riservata