Food24

Dolcevita: la pasticceria paradiso dei vegani si allarga e apre non-stop

Luoghi

Dolcevita: la pasticceria paradiso dei vegani si allarga e apre non-stop

Oltre 400 mq su due piani, 6,5 metri di banco espositivo, 150 posti a sedere, 2 laboratori sono i numeri di quella che dal 1 febbraio 2018 è probabilmente la pasticceria più grande d'Europa a offrire un'ampia scelta vegan. Alla Dolcevita del pastry chef Stefano Broccoli e del manager Nicholas Anesa a Bergamo, in realtà, di derivato animale c'è esclusivamente il latte vaccino, riservato ai cappuccini dei clienti che non gradiscono l'assortimento di bevande vegetali (soia, riso, avena, mandorla e sorgo), ma per il resto ogni dolce, ogni piatto è 100% vegetale, dalla colazione alla cena.
La decisione di cambiare e ingrandire la location storica, inaugurata solo nel 2014, è la conseguenza del riscontro della clientela, proveniente da tutto il nord Italia alla Dolcevita non solo per motivi etici o salutistici, ma anche per la qualità delle creazioni.
Le richieste - anche per pranzi, cene e merende - hanno portato i titolari a progettare un locale che offra in qualsiasi ora della giornata, dalle 6 alle 23, 7 giorni su 7, una selezione di dolci con pasticcini, cupcake, muffin, biscotti e di sfizi salati con bagel, toast, club sandwich; nel momento dei pasti viene allestito un buffet che prevede una trentina tra antipasti, primi, secondi e contorni. Completano l'offerta tea time, merende e cocktail.
Lo staff è composto da quattordici persone, titolari inclusi, mentre la direzione delle cucine è affidata al pastry chef e docente alla FunnyVeg Academy Stefano Broccoli, esperto in pasticceria vegetale che collabora con aziende pionieristiche quali The Bridge e che, negli anni, ha saputo rinnovare le più ricche e golose ricette della tradizione dolciaria. I segreti della sua pasticceria sono nell'uso di combinazioni di frutta secca, oli di semi, vegetali essiccati, malti e farine di pseudocereali, nella personalizzazione dei prodotti in base alle richieste dei clienti e nella continua sperimentazione con un occhio alle tendenze dettate dalle mode e dall'innovazione.

© Riproduzione riservata