Food24

Amarone über alles: export +10% e boom sul mercato interno…

Vino

Amarone über alles: export +10% e boom sul mercato interno (+20%)

Via da oggi ad Anteprima Amarone, la rassegna veronese giunta alla 50esima edizione, che terrà banco fino a lunedì prossimo. E si scopre l'anomalia del famoso rosso veneto che all'estero sembra non soffrire la stasi che ha colpito i rossi fermi italiani.
Nel 2017 la crescita a valore è stata del 10% per il 68% dei volumi complessivi destinati all'estero. Lo rileva l'indagine annuale svolta dall'Osservatorio vini della Valpolicella e curata da Nomisma-Wine Monitor su un campione rappresentativo di imprese produttrici.
Germania al vertice
Luce verde su tutti i principali mercati di destinazione, a partire dalla Germania (+30%) che con quasi un quarto delle vendite rappresenta il principale sbocco per l'Amarone. Bene anche gli Usa (+10%), mentre Svizzera e Regno Unito segnano incrementi vicini al 5%. Tra gli sbocchi secondari è alto il gradimento nei mercati asiatici, con Cina e Giappone che crescono del 15%.
“In un anno non facile per il segmento dei rossi fermi italiani - commenta il direttore del Consorzio tutela vini Valpolicella, Olga Bussinello - l'Amarone conferma il suo forte appeal sui mercati internazionali, complice da una parte la ripresa economica, dall'altra una maggior forza commerciale del nostro tessuto imprenditoriale e del nostro brand”.
Si sveglia il fuori casa
Ma la sorpresa arriva anche dal mercato interno, che chiude il 2017 in ascesa del 20%, trainato dall'aumento dei consumi fuori casa. In Italia infatti le catene commerciali detengono un ruolo minore nella distribuzione di Amarone (25% la quota, per un valore in crescita di quasi il 13%), mentre ristorazione ed enoteche assorbono assieme il 60% del mercato interno. Infine, la vendita diretta, grazie anche al significativo incremento di turisti in Valpolicella, cresce quasi il doppio della media regionale di arrivi dal 2009 al 2016 (+54%).
Secondo le elaborazioni Nomisma-Wine Monitor l'Amarone ha prodotto lo scorso anno un giro d'affari di circa 355 milioni. La Valpolicella conta su 7.994 ettari vitati e circa 2.300 aziende produttrici.

© Riproduzione riservata