Food24

La vitivinicoltura sostenibile a Summa 2018 (con etichette kazake e…

  • Abbonati
  • Accedi
LOCANDINA

La vitivinicoltura sostenibile a Summa 2018 (con etichette kazake e neozelandesi)

Dopo i festeggiamenti del ventennale, chiusi con l'edizione del 2017, torna sabato 14 e domenica 15 aprile l'appuntamento annuale con Summa organizzato dalla Tenuta Alois Lageder a Magrè Sulla Strada del Vino in Alto adige e dedicato all'eccellenza vitivinicola internazionale.

Ottanta vignaioli sostenibili da 8 Paesi
Sono oltre ottanta i vignaioli provenienti da diverse parti del mondo, uniti dal fil rouge della produzione di alta qualità e sostenibile, che condividono valori, obiettivi e il desiderio di creare un momento unico con il visitatore. Francia, Austria, Italia, Germania, Slovenia, Australia, Kazakhstan e Nuova Zelanda sono i Paesi rappresentati da produttori che si riuniscono a Magrè per presentarsi ad un pubblico di professionisti del settore, stampa e winelover che sceglie di rifugiarsi in montagna nel primo weekend del Vinitaly.

Come ogni anno, gli ospiti di Summa 2018 s'immergeranno in un ricco programma di degustazioni guidate e verticali esclusive, condotte dagli stessi vignaioli o da esperti del settore, oltre a seminari e visite della cantina. L'agenda di eventi sarà accompagnata da una rassegna gastronomica di pregio.

“Per me Summa rappresenta soprattutto un'occasione speciale in cui vignaioli – molti dei quali sono amici di lunga data – giornalisti, operatori di settore e visitatori interessati si ispirano reciprocamente, in un'atmosfera familiare ed accogliente. L'enorme forza che nasce da questo incontro influisce sulle nostre idee e sul nostro lavoro quotidiano. Questa è l'essenza che accompagna Summa sin dal suo inizio”, dichiara Alois Clemens Lageder, sesta generazione dell'azienda di famiglia.

Tra gli ospiti primeggiano per numero le etichette italiane (oltre 40 aziende), ma Germania e Austria sono rappresentate da una dozzina di produttori. La Francia vanta solo 5 maison, mentre per Nuova Zelanda, Kazakhstan e per le new entry Slovenia e Australia ci sarà solo un portabandiera.
Continua inoltre la partnership con Demeter, il marchio internazionale che controlla e certifica il lavoro – e i prodotti – degli agricoltori che praticano la coltivazione biologico-dinamica e che in Italia è rappresentato da Alois Lageder.

© Riproduzione riservata