Food24

Coop Alleanza firma restauri per 150mila euro: la scelta delle opere?…

  • Abbonati
  • Accedi
Storie di eccellenza

Coop Alleanza firma restauri per 150mila euro: la scelta delle opere? La fanno i soci


Un percorso che corre lungo la dorsale adriatica, dal Friuli Venezia Giulia alla Sicilia, e che giunge al secondo anno. Per il 2018 Coop Alleanza aumenta i restauri e rilancia l'investimento: la seconda edizione di “Opera tua”, il progetto che sposa cibo e arte, vedrà infatti “in gara” 16 opere per otto regioni italiane con un investimento complessivo di ben 150mila euro.
Lo scorso anno la cooperativa dei consumatori aveva recuperato sette opere grazie a 100 mila euro di fondi. Per questa nuova edizione il percorso si snoda in otto tappe, fino a novembre: ogni mese i prodotti di un territorio vengono valorizzati nei negozi e, in parallelo, due gioielli artistici della stessa zona vengono proposti ai soci che, con il loro voto, determinano a quale opera destinare i fondi per il recupero.
Coop Alleanza 3.0 è la più grande cooperativa di consumatori italiana, con 2,5 milioni di soci, 436 negozi in 12 regioni e 4,7 miliardi di fatturato complessivo. Le opere da restaurare sono state scelte con Fondaco Italia, società attiva nella valorizzazione dei beni culturali, in collaborazione con le istituzioni territoriali. E da quest'anno, l'iniziativa può contare anche sulla collaborazione dell'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco.
“I luoghi del Patrimonio Mondiale sono tutti da raccontare – dichiara Giacomo Bassi, presidente dell'Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco –, poterne mettere in risalto degli aspetti meno conosciuti, ma non per questo meno caratterizzanti, è molto importante. Mi auguro che il pubblico dell'iniziativa comprenda davvero che noi cittadini siamo tutti coinvolti nella cura della bellezza che ci circonda, poiché i luoghi del Patrimonio Mondiale sono di tutti e prima di tutti, di coloro che ci vivono.”

Una peculiarità del progetto è proprio il legame con il territorio, con l'individuazione di opere espressione della cultura delle diverse aree e realizzate da artisti legati alle varie regioni. Una gamma di capolavori che sintetizzano la multiforme produzione artistica italiana nei secoli: dal monumento al dipinto di personaggi illustri, dalle pale nelle chiese ai dipinti dedicati ai santi patroni, dal pezzo unico in argento al sarcofago, dalle statue lignee dell'arte popolare alle chiese rupestri di Matera, dai codici malatestiani alla pietà del battistero di San Marco e l'opera in terracotta di Ravenna. Si parte con le specialità di Puglia e Basilicata e due capolavori dedicati a San Nicola, una delle figure più amate di queste regioni: la tempera su tavola del XIII secolo “San Nicola e storie sulla sua vita” (Pinacoteca Metropolitana di Bari) e l'olio su tela del XVIII secolo “San Nicola con Adeodato e i tre fanciulli” (chiesa di San Nicola Trimodiense di Andria). L'andamento dei voti sarà visibile sul sito e l'opera vincitrice verrà resa nota alla fine di ogni tappa. Online sarà possibile seguire il restauro, con informazioni sui tempi e l'avanzamento dell'intervento di recupero e valorizzazione degli stessi luoghi che accolgono i diversi capolavori.
Nel 2017, grazie a “Opera tua”, Coop Alleanza 3.0 ha restaurato con 100 mila euro sette capolavori artistici. Di questi, tre sono già stati recuperati: l'olio su tela “Sant'Anna con bambino” (cattedrale di Matera), l'olio su tela “I fiori di cardo” di Basilio Cascella (Palazzo Farnese di Ortona, Chieti), l'olio su tavola “Sacra famiglia con Sant'Orsola” (Pinacoteca del Museo degli eremitani di Padova). Le altre 4 opere sono ancora in restauro: l'olio su tela “Il giuramento degli anconetani” (Pinacoteca Francesco Podesti di Ancona), il “Mosaico a nido d'ape” (Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, Udine), la statua lignea “Cristo del XIII secolo” (Castello di Copertino, Lecce), il monumento “Fontana del genio” (Piazza della Rivoluzione, Palermo). Il termine degli interventi è previsto per giugno.
Ecco il programma delle attività e le opere messe in lizza.
Puglia: 2 aprile - 30 aprile.
1) «San Nicola con Adeodato e i tre fanciulli» (Chiesa San Nicola Trimodiense, Andria)
2)- «San Nicola e storie della sua vita» (Pinacoteca Metropolitana, Bari)
Marche : 2 maggio -31 maggio
3) «Ritratto di Padre Matteo Ricci» (Musei Civici, Palazzo Buonaccorsi, Macerata)
4) «Raffaello» monumento a Raffaello Sanzio (Urbino)
Sicilia: 1 giugno -30 giugno
5) «Ritratto di gentiluomo» El Greco (Museo Civico, castello di Ursino, Catania)
6) «Santa Rosalia» (Tesoro del Duomo, Museo Diocesano, Messina)
Romagna: 1 luglio - 31 luglio
7) codice «Malatestiano D.XXVII.3» (Biblioteca Malatestiana, Cesena)
8) «Cristo morto» (Museo Nazionale, Ravenna)
Friuli-Venezia Giulia: 1 agosto - 31 agosto
9) «Sarcofago del sacerdote Khonsu Pa-Di-Amon XXI dinastia» (Civico Museo di Storia ed arte, Trieste)
10) «Serie di 12 sculture lignee dal XIV al XVIII sec.» (Museo etnografico, Palazzo Giacomelli,Udine)
Puglia e Basilicata: 1 settembre - 30 settembre
11) «Santa Lucia» (chiesa rupestre, Santa Lucia alle Malve, Matera)
12) «Sant'Antonio Abate» (Sasso Caveoso, Matera)
Emilia-Romagna: 1 ottobre - 31 ottobre
13) «Pala di San Sebastiano» (Duomo, Modena)
14) «Annunciazione con i Santi Caterina e Sebastiano» (complesso monumentale della Pilotta)
Veneto: 1 novembre - 30 novembre
15) Monumento «Ai Fratelli Pasini» (Piazza IV Novembre, Schio, Vicenza)
16) «La Pietà del Battistero» (Basilica di San Marco, Battistero,Venezia)

© Riproduzione riservata