Food24

Ornellaia apre il suo primo ristorante (e non è in Toscana, ma a…

  • Abbonati
  • Accedi
Ristoranti

Ornellaia apre il suo primo ristorante (e non è in Toscana, ma a Zurigo)

Apre oggi ufficialmente a Zurigo, sulla Bahnhofstrasse – come dire la Via Monte Napoleone della città elvetica – il primo ristorante di Ornellaia, il brand top del gruppo Frescobaldi vini. L'operazione è stata sviluppata con il gruppo Bindella, tra gli importatori leader di Ornellaia e gestore di una quarantina di ristoranti nell'area di Zurigo. È un evento di grandi importanza per lo sviluppo del Made in Italy di lusso nel mondo, ha sottolineato l'ambasciatore italiano presso la Confederazione elvetica, Marco del Panta Ridolfi. “Il vino è un'emozione e ogni visita tra i nostri vigneti e la cantina è un'esperienza, ogni annata rinnova questi piaceri e il motivo per cui abbiamo aperto il Ristorante Ornellaia è per entrare nel nostro mondo e vivere la passione e l'eccellenza che viene dall'area di Bolgheri anche al di fuori della Tenuta. Quest'anno celebriamo la 30ma vendemmia di Ornellaia e la 10ma edizione del progetto Vendemmia d'Artista che coincide anche con i 30 anni di collaborazione, e amicizia, con Bindella: un connubio perfetto che sfocia nella creazione di un ristorante, che non avremmo voluto fare con nessun'altro partner” ha commentato Giovanni Geddes da Filicaja, ad di Ornellaia.

Il design del ristorante è stato affidato all'architetto svizzero Tilla Theus che ha riproposto l'atmosfera della Toscana all'interno con il bugnato in sintonia con rilievi neoclassici, mentre all'esterno del locale si ammirano finestre a vista con opere d'arte. “La mia visita in Ornellaia ha rinnovato i miei ricordi sulla Toscana in modo molto positivo. Quando ci sono stata ho vissuto un'atmosfera indimenticabile. Il paesaggio è bellissimo e l'ospitalità è eccezionale. È stata questa atmosfera, unita al paesaggio, alle persone, al cibo e al vino, che ho voluto catturare e ricreare nel “Ristorante Ornellaia”. Per questo il travertino utilizzato all'interno del ristorante proviene dalla Toscana. Si potrebbe dire che ho ristrutturato la facciata in pietra di granito grigio dell'edificio in Bahnhofstrasse 53 all'interno del ristorante utilizzando le pietre di travertino dai colori caldi insieme a un tipico soffitto in legno toscano. Le oltre 100 luci diverse appaiono come punti singoli e si riferiscono al cielo stellato; inoltre segnalano l'altezza del soffitto impressionante. Un'atmosfera nuova e indimenticabile completata dalla replica in rovere bronzato fissata al soffitto. In ricordo del maestoso albero di quercia presso la cantina Ornellaia a Bellaria.

Il design degli interni è completato da opere d'arte in bronzo di Josephson e da un'arte che rimanda ai tipici colori toscani di Cuno Amiet”ha sottolineato la Theus. L'arte è presente nel ristorante con due artisti: Cuno Amiet, eccezionale pittore svizzero, e Hans Josephson, scultore dal talento riconosciuto da tutto il mondo.

“Vogliamo creare un palcoscenico per l'eccellenza dei vini Ornellaia, di cui siamo Ambasciatori in Svizzera fin dalla prima vendemmia, l'85. L'ambiente riflette lo spirito audace di Ornellaia e la lista dei vini include annate vecchie e rare dell'Archivio Storico e formati speciali che possono essere trovati oggi solo nelle aste internazionali. Inoltre, il legame tra Bindella e Ornellaia si dimostra anche dall'inserimento in carta di un'ulteriore selezione di vini di Vallocaia, la nostra cantina creata anch'essa nel 1985” ha spiegato Rudi Bindella.

E veniamo alla parte gastronomica affidata al giovane chef Giuseppe D'Errico che dopo la specializzazione ad Alma con il maestro Gualtiero Marchesi ha espresso il proprio talento nel ristorante Troisgros a Roannes, in Francia, dove per cinque anni ha lavorato fianco a fianco con Michel, che considera il suo secondo maestro. Troisgros ha Tre stelle Michelin dal 1969 e l'hotel collegato al ristorante fa parte dei relais & Chateaux. La mia è una cucina legata alla semplicità, al gusto e alla tradizione, Michel Troisgros mi ha insegnato quali sono i valori di un piatto: ‘Il Bello, il Buono, il Semplice'. Per farlo attingo a diverse fonti di ispirazione: le persone che incontro, il rispetto delle materie prime, la tradizione legata alle mie origini, il gusto dei frutti della terra. Mi avvicino al cibo, come al vino, con enorme rispetto e interesse. Ornellaia ha un forte legame con la terra da cui nasce, col suo territorio, che è splendido, raffinato e armonioso, questo il punto di partenza anche dei miei piatti” ha spiegato D'Errico. Nel menù numeorsi piatti della tradizione toscana rivisitati in chiave gourmet, con un set speciale denominato In Giro per l'Italia, destinato ad offrire alla clientela internazionale a Zurigo una esperienza di particolare rilevanza. La carta dei vini offre tutto l'eccellenza di Ornellaia e Masseto.

© Riproduzione riservata