Food24

13 giugno, il siciliano a Milano con il gusto anni Ottanta

  • Abbonati
  • Accedi
LUOGHI

13 giugno, il siciliano a Milano con il gusto anni Ottanta

Il ristorante  13 Giugno  a Milano
Il ristorante 13 Giugno a Milano

Negli anni Ottanta, il ristorante elegante seguiva uno schema preciso: arredi ricchi di dettagli, tendaggi abbondanti, tavoli vestiti da cerimonia, piante per riscaldare l'ambiente, camerieri in nero la cui età rivelava la professionalità. Il fine dining seguiva una formalità dalla quale non si poteva prescindere. Anche i piatti erano abbondanti, con condimenti succulenti da inghiottire quel che ci stava sotto. Ecco, “13 giugno”, aperto proprio in quell'epoca, è ancora così.

Saverio Dolcimascolo, palermitano dichiarato dalla cantilena e da un sorriso largo, ci tiene che mantenga la sua identità. Non è interessato ai nomi degli chef e alle ricette inventate. È orgoglioso di proporre la cucina siciliana che è nell'immaginario di tutti, italiani senz'altro, ma anche stranieri. Vuoi le sarde a beccafico? Ci sono. Vuoi la caponat? Ovviamente c'è. Vuoi i maccheroni alla Norma con melanzane e ricotta salata? E anche quelli ci sono. E la cena si apre con i grandi classici: arancini e panelle fritte.

Il ristorante 13 Giugno a Milano

Dolcimascolo storce il naso quando sente tutta la retorica della ricerca gastronomica, preferisce quella sostanziosa del ristorantone di pesce, con sontuosi plateau royale preparati da chi se ne intende, e non sbaglia un colpo da trent'anni e passa. Lo attribuisce alle sue origini in riva al mare e al buon gusto che i siciliani pensano di avere innato. Non ammettono che qualcuno possa sdegnare la loro cucina, quella sì “alta” di natura. Se non ti piace, non capisci nulla di cibo! Con queste premesse, prenotando al “13 giugno”, accetti il protocollo, che poi è appagante, perché il classico, adeguatamente alternato col nuovo, trova sempre un posto libero nelle nostre nostalgie.

Il ristorante 13 Giugno a Milano

Alla scorpacciata di pesce cotto e crudo, di evidente freschezza, si accompagna la musica. Tutte le sere, una band suona jazz, e a un certo punto Saverio Dolcimascolo impugna il microfono e canta con grinta Tu vo fa l'americà, e melodie che quasi sembra Frank Sinatra. Un legame storico quello con la musica, uno perché il ristorante era di Adriano Celentano e, secondo, perché intrattenersi con buona musica mentre si sgusciano scampi e ostriche fa sentire, anche solo per una serata, nella Milano degli anni Ottanta, quando si andava al ristorante nelle occasioni speciali. Nostalgia pura, con cucina onesta con happy end: cassata e cannoli comme il faut.

Ristorante 13 Giugno
via Goldoni 44
http://www.ristorante13giugno.it/

Il ristorante 13 Giugno a Milano

© Riproduzione riservata