Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 28 marzo 2013 alle ore 15:00.

My24

Quest'anno nell'uovo di Pasqua tante sorprese, dolci e amare. Nei supermercati le colombe volano basso, sono offerte anche a 2,50 euro mentre le uova di cioccolato, nonostante gli sconti anche del 30%, si trovano sugli scaffali con prezzi fino a 60 euro al chilo, ma qualche settimana fa sfioravano i 90 euro. Agnello e capretto beneficiano della sostituzione con le carni rosse e anche di alcuni sconti per spingere le vendite.

Nella grande distribuzione anche quest'anno prevale il tema della colomba come prodotto civetta: attrarre il cliente con il prezzo sottocosto ma che poi riempirà il carrello di altri prodotti. A seconda della catena commerciale, le marche sconosciute (nell'insieme sono leader) contendono le simpatie del consumatore alle marche consolidate: per esempio la colomba Le Grazie senza canditi è offerta a 2,79 euro per un chilogrammo (contro un valore di 5,50); Balocco "la Mandorlata" con glassa alle nocciole lavorata artigianalmente a 3,98 euro (6,90); Melegatti Due Delizie a 4,48 euro (7,40). Molto diversi i prezzi delle uova, anche perché contengono sorprese spesso gravate di royalty. I prodotti di marca variano dal Lindt Excellence, 70% di cacao, 300 grammi, offerto a 21 euro (68 euro al chilo) fino al Rocher Uovo, 200 grammi, 8,60 euro (43 euro al chilo). E le famiglie come reagiscono? «Molto bene – osserva Mario Gasbarrino, ad di Unes – le nostre vendite crescono del 10%. Perché? Se le famiglie vanno a mangiare meno frequentemente fuori casa è chiaro che debbono fare più acquisti nei supermercati».
Meno vivaci gli acquisti pasquali da Conad. «C'è una discreta stabilità di colombe, uova e pasta fresca – sottolinea Francesco Avanzini, direttore commerciale della catena dei dettaglianti – mentre le carni bianche, mediamente meno costose, sostituiscono quelli rosse. In forte ascesa invece i prodotti per dolci e torte e, in generale, quelli proteici a basso costo. Gli ultimi giorni di vendite saranno decisivi per fare un bilancio delle vendite di Pasqua».

Esselunga conferma la crescita di uova di cioccolato e colombe, trainate dai prodotti più convenienti, e anche delle materie prime per preparare dolci in casa.
«Il cioccolato è favorito da una temperatura relativamente fredda – interviene Livio Martucci, account director di SymphonyIri – Infatti le vendite sono in linea con il 2012, ma nettamente inferiori a tre anni fa. Le colombe invece risentono meno del fattore meteo e infatti i volumi sono in calo del 4%».
Da Esselunga tirano le vendite di carni ovine, grazie anche a prezzi inferiori all'anno scorso: questa settimana la catena milanese punta su una raffica di sconti, dal 20 al 50%, per coscia, costine, carré e cotolette di agnello e capretto e con prezzi che arrivano a un massimo di 15 euro al chilogrammo.
In generale gli acquisti di Pasqua risentono del clima depresso dei consumi. «Nelle prime dieci settimane dell'anno – osserva Mario Gasbarrino, ad di Unes – le vendite sono calate di circa il 2%, ma l'inizio d'anno era stato anche peggio, con una contrazione marcata dello scontrino medio. Dopo c'è stata una lieve ripresa».

Giorgio Santambrogio, dg di Interdis (insegne Migross, Sidis, Di Meglio e Isa) rimarca che «se il buongiorno si vede dal mattino non ci aspettiamo una Pasqua esaltante: a febbraio tutte le catene top 21 sono andate male e con performance comprese tra -0,4 e -8%. Sempre più spesso i consumatori arrivano nel punto vendita con 2 o 3 volantini diversi: l'intento è quello di confrontare i prezzi e risparmiare».
Che fare? «Abbiamo inserito 270 referenze a marchio Delizie – spiega Santambrogio – quello di proprietà, il più conveniente, ma sappiamo bene che non basta per fronteggiare un periodo così particolare».

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi